Slot machine truccate con jackpot quasi impossibili da sbloccare: fioccano sequestri e denunce

Slot machine truccate con jackpot quasi impossibili da sbloccare: fioccano sequestri e denunce
Slot machine truccate con jackpot quasi impossibili da sbloccare: fioccano sequestri e denunce
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Marzo 2020, 18:02

SAN BENEDETTO - Ha coinvolto anche la provincia di Ascoli la maxi indagine della Guardia di Finanza di Torino, attraverso la quale è stata accertata una truffa a migliaia di giocatori (con jackpot quasi impossibile da sbloccare) e che ha comportato la denuncia di centinaia di gestori di apparecchi da divertimento, il sequestro di oltre mille slot machine e la contestazione di sanzioni per 20 milioni di euro. Tremila sono state le schede delle slot risultate manomesse in quella che sembra essere una gigantesca frode informatica ai danni dello Stato.

LEGGI ANCHE:
Via vai di perturbazioni, arrivano altre piogge, temporali e neve anche in collina. Ecco dove e quando

Coronavirus, nelle Marche 3 morti e salgono a 84 i positivi, 14 pazienti in terapia intensiva. Sono 501 le persone in isolamento domiciliare


Un precedente è avvenuto a San Benedetto del Tronto. In un bar del centro, i finanzieri hanno sottoposto a sequestro un congegno da divertimento e intrattenimento e i 2.206 euro delle giocate rinvenuti al suo interno, denunciando il proprietario dell’apparecchio per frode informatica e lo hanno sanzionato per 20mila euro. 
Un secondo intervento è stato poi eseguito dalla stessa Compagnia di San Benedetto del Tronto per verificare alcuni congegni da divertimento e intrattenimento detenuti in un altro esercizio. Sono stati sequestrati due congegni e i 684 euro depositati al loro interno. Le indagini sono quindi proseguite a Castel di Lama , dove i militari del gruppo di Ascoli hanno accertato la manomissione del meccanismo interno di una slot. I militari ascolani hanno sequestrato l’apparecchio con i 1.387 euro trovati depositati al suo interno, la denuncia all’Autorità Giudiziaria del proprietario/gestore dell’apparecchio, la cui impresa è teramana e e una multa di 20mila euro.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA