Vongole non tracciate e senza etichettatura: la Finanza ne sequestra due quintali

Sabato 26 Settembre 2020
Vongole non tracciate e senza etichettatura: la Finanza ne sequestra due quintali

SAN BENEDETTO - Blitz della Guardia di Finanza al porto di San Benedetto: i militari hanno sequestrato due quintali di vongole non tracciate e senza etichette ma già pronte per essere vendute nelle relative retine.

LEGGI ANCHE:
Il tasso di contagio Covid s'impenna nel Piceno: l'Arengo pensa ai termoscanner per le scuole

Area Vasta, arriva il bonus per il personale, ma non ancora il premio Covid

La Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di San Benedetto del Tronto ha sequestrato circa 200 Kg di vongole (venus gallina). Nel più ampio alveo delle attività del Corpo riconducibili alla “Polizia del mare”, è stata svolta una articolata attività operativa, nello specifico settore dedito al controllo dei prodotti ittici, finalizzata alla tutela dei consumatori e del mercato, che si è sviluppata nella seconda metà del mese di settembre, ove i militari del Corpo hanno sottoposto a sequestro, in due diversi interventi, complessivamente circa 200 Kg di molluschi bivalvi irregolarmente detenuti.

Le vongole erano in gran parte già confezionate in retine di plastica e occultate abilmente alla vista dei finanzieri, pronte per essere immesse illegalmente in commercio e destinate verosimilmente alla vendita fuori dal circuito ufficiale del mercato ittico nazionale. L’attività illecita era finalizzata all’elusione della normativa in materia sanitaria, con evidenti rischi per la salute dei consumatori ed avrebbe causato danni economici ai vari operatori commerciali dello specifico settore. Il prodotto ittico posto sotto sequestro, per mancanza della relativa tracciabilità è stato reimmesso in mare, previa certificazione dell’autorità sanitaria veterinaria che ne ha constatato la non idoneità al consumo umano, facendo salvo il ripopolamento marino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA