Riaperta la Provinciale Mezzina, ma per i lavori in corso non si può andare oltre i 50km orari

Sabato 16 Ottobre 2021 di Nicola Savini
Il collaudo del viadotto sulla Mezzina

OFFIDA - L’amministrazione provinciale comunica che Provinciale n. 43 Mezzina è riaperta al transito veicolare nella zona della Fornace. Il tratto interessato, tuttavia è ancora oggetto di cantiere per il completamento dei lavori previsti dal cronoprogramma contrattuale. Pertanto, occorre osservare il limite di velocità massimo di 50 km/h e, comunque, nei prossimi giorni verranno effettuati controlli della velocità da parte degli organismi preposti. 

 

La Provincia rimarca evidenzia che i lavori in questione sono stati particolarmente complessi, avendo realizzato l’ammodernamento del tracciato, l’ampliamento della carreggiata e la sistemazione di tratti ammalorati. Inoltre, si è anche ricorso all’impiego di imprese specializzate per la costruzione di un viadotto in variante imponente, lungo 152 metri, in calcestruzzo e acciaio e articolato in 4 campate da 38 metri ciascuna, sulle quali da oggi scorre il traffico del comprensorio intervallivo. 

«Viene riaperta al traffico una infrastruttura fondamentale per la viabilità del territorio conseguendo un risultato significativo e lungamente atteso a cui la Provincia ha lavorato con grande impegno e determinazione risolvendo le criticità pregresse e portando a compimento un’opera che ha comportato un investimento di oltre 6 milioni – dichiara il presidente della Provincia Sergio Fabiani. – Rinnovo il mio ringraziamento agli uffici tecnici della Provincia, alle imprese coinvolte, ai progettisti, al dirigente del Servizio viabilità Antonino Colapinto, alla direttrice dei lavori Giuseppina Curti e al responsabile del procedimento Gianluigi Capriotti. Vorrei altresì rinnovare la mia profonda gratitudine ai cittadini del comprensorio che hanno subito comprensibili disagi ma che ora potranno usufruire di una strada notevolmente migliorata in termini di sicurezza e di modalità di percorrenza. Un ringraziamento, infine va al Comune di Offida, nella persona del sindaco Luigi Massa, che ha sempre seguito con attenzione, sollecitudine e spirito di collaborazione le complesse attività amministrative e di realizzazione concreta dell’intervento».

© RIPRODUZIONE RISERVATA