Via libera al progetto definitivo per il miglioramento sismico dell’ex Distretto militare

L'ex distretto in corso Mazzini
L'ex distretto in corso Mazzini
di Luca Marcolini
3 Minuti di Lettura
Domenica 20 Novembre 2022, 02:25

ASCOLI - Via libera, dalla giunta dell’Arengo, al progetto definitivo per il miglioramento sismico dell’ex Distretto militare. Un progetto che ora consente di spianare la strada alla procedura verso l’appalto dei lavori per mettere in sicurezza e riqualificare il complesso di corso Mazzini, divenuto parzialmente inagibile a causa del terremoto del 2016, che dovrà andare ad ospitare in futuro tutti gli uffici comunali decentrati che attualmente sono temporaneamente delocalizzati in affitto nei locali della Ciip in viale della Repubblica e del Pio istituto Sacro Cuore in viale Vellei. 


La ricostruzione


Un piccolo passo avanti, dunque, nell’ambito di una ricostruzione pubblica che stenta ancora a decollare in tutte le aree del sisma tra criticità e altri problemi come, ad esempio, l’incremento del costo dei materiali edili. E anche in questo caso, a seguito sopralluoghi e verifiche sullo stato di consistenza del manufatto (in particolare delle parti strutturali dell’edificio come le murature portanti, la struttura della copertura e dei solai), oltre al predetto aumento dei prezzi delle materie prime, si è arrivati ora a un intervento che complessivamente richiederà un investimento di 10,6 milioni di euro (rispetto ai 2,5 milioni previsti inizialmente e poi saliti a 4). E questo progetto rimodulato si è reso necessario anche per rimodulare la richiesta del finanziamento necessario per completare l’intervento.


I passaggi


Dopo tutta una serie di passaggi procedurali e tecnici molto complessi e a seguito di interlocuzioni dell’Arengo con l’Ufficio speciale per la ricostruzione, era emersa la necessità di redigere una progettazione globale, considerando che l’edificio dell’ex Distretto militare si configura di importanza essenziale ai fini della ricostruzione pubblica, in quanto è destinato a diventare la sede di gran parte degli uffici comunali ascolani, ad oggi dislocati in diverse sedi temporanee a causa dei danni causati dal sisma. E con questa elaborazione progettuale globale si è arrivati proprio a una nuova stima economica dell’intero intervento di un importo complessivo pari a 10,6 milioni di euro.


Le opere


Si tratta di migliorare dal punto sismico una struttura di circa 5mila metri quadri, in corso Mazzini est, proprio per accogliere tutti quegli uffici comunali forzosamente trasferiti in locali in affitto a causa dei danni provocati dal terremoto in strutture comunali. Ma il recupero dell’ex Distretto militare rappresenta anche un tassello importante nella strategia dell’Arengo di rivitalizzare tutta la zona, dal recupero di Palazzo Saladini all’apertura del collegato parco pubblico. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA