«Stop ai voli per devozione sulla Basilica. Quanti rischi, fermate quegli ultraleggeri». Ecco l'interrogazione della lista di minoranza

Martedì 12 Ottobre 2021 di Giacomo Quattrini
Gli aerei in volo sulla Basilica di Loreto

LORETO  - Mai più voli in biplano o con ultraleggeri sopra la Santa Casa di Loreto, fatti spesso come saluti devozionali alla Vergine Nera Patrona degli aviatori. I due consiglieri di minoranza Cristina Castellani e Gianluca Castagnani della lista Siamo Loreto hanno protocollato ieri una interrogazione da discutere in consiglio comunale. Nel testo si sollecita il sindaco Moreno Pieroni a «scrivere alle autorità aeree competenti affinché si definisca una sorta di area interdetta al volo attorno al Santuario Mariano anche per ragioni legate ad evitare atti terroristici dal cielo».

 


A finire nel mirino non sono le manifestazioni autorizzate o passaggi istituzionali, ma i sorvoli a bassa quota di biplani o altri piccoli aerei. Già nel 2017, dopo l’incidente nella vicina Squartabue di Recanati, quando un biplano si schiantò su un gazebo di un ristorante senza fortunatamente conseguenze mortali, i due consiglieri di minoranza presentarono una interrogazione consiliare per chiedere di avviare comunicazioni con l’Enav in merito ai voli sopra il centro abitato di Loreto che partono dalle piste di piccoli velivoli nelle zone circostanti. Con la nuova interrogazione, a quattro anni esatti dalla prima e a pochi giorni dal drammatico incidente di San Donato Milanese, con otto vittime nello schianto di un aereo privato su un edificio, si chiede a Pieroni se «in ragione delle misure di antiterrorismo, l’area del centro comprensiva della Basilica della Santa Casa è fuori dai permessi di sorvolo, ultraleggeri, alianti e similari» o ancora nulla è stato fatto in merito. 


E si chiede se «si possono studiare delle formule equiparabili ad ordinanze sindacali per regolarli» o se «esistono ordinanze a tutela della quiete dei cittadini in giornate ed orari di riposo come ad esempio la domenica nel rispetto della normativa anti inquinamento acustico e del codice civile». 


In effetti «ancora oggi –commentano Castellani e Castagnani- si assiste continuamente, soprattutto nei fine settimana, al passaggio di questi aerei sopra le frazioni di Loreto oltre che altre aree abitate della città. Si vede spesso l’avvicinarsi di alcuni velivoli alla cupola del Santuario, che se è da considerarsi una sorta di saluto devozionale non può considerarsi però una abitudine consolidata». E dire che la città ha un rapporto speciale con voli e gli aviatori: ospita in via Bosco proprio l’Aeronautica Militare, con museo in centro storico, senza considerare che la Vergine di Loreto è la patrona degli aeronauti, i quali evidentemente ne sorvolano il Santuario per ringraziarla. Tuttavia i due consiglieri di Siamo Loreto ritengono che «nell’ipotesi si effettuassero prove di volo, scuole di pilotaggio e altre attività similari, non possono essere fatte sopra le nostre teste, ad esclusioni di voli militari, istituzionali e legati alle celebrazioni mariane». 


Questo perché «la Basilica custodisce tesori ineguagliabili che un incidente aereo potrebbe danneggiare» ma non solo, «ci sono scuole, abitazioni, supermercati, campi da gioco e la tutela dell’incolumità umana e dei manufatti deve essere presa in seria considerazione dall’amministrazione comunale» chiosano Castellani e Castagnani.

 

Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 10:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA