Lo speronamento, poi la fuga per i campi: due carabinieri feriti, arrestato un ladro della banda dell'Audi

Lunedì 29 Novembre 2021 di Stefano Rispoli
Il ladro è stato arrestato dai carabinieri

LORETO - Quando hanno visto l’alt, invece di arrendersi, hanno spinto sull’acceleratore, tentando una fuga disperata. Hanno speronato l’auto dei carabinieri, ferendo due militari, poi nel breve inseguimento sono finiti contro il guardrail. I ladri irriducibili hanno abbandonato l’Audi incidentata e sono scappati a piedi, disperdendosi per i campi. 

Sacra Famiglia vittima dei vandali, danneggiato il presepe del Pincio opera dei maestri carristi

 


Le ricerche sono andate avanti tutta la notte. Un ladro è stato arrestato. I suoi complici - almeno tre - sono riusciti a far perdere le proprie tracce. Questa mattina si terrà l’udienza di convalida dell’albanese ammanettato dai carabinieri della Compagnia di Osimo: è sospettato di essere uno dei componenti della banda dell’Audi che nelle ultime settimane ha compiuto furti a ripetizione nell’hinterland anconetano, ma anche in altre province e regioni del centro Italia. Il blitz è scattato sabato sera all’altezza del casello autostradale di Loreto-Porto Recanati. 


Da tempo i carabinieri davano la caccia a una potente Audi S3 nera avvistata da Osimo a Senigallia, da Falconara a Castelfidardo, sempre in concomitanza di colpi messi a segno in abitazioni. Nel ricostruire gli spostamenti della gang sulla base delle ultime segnalazioni, i militari sabato hanno deciso di allestire un posto di blocco in prossimità del casello di Loreto dell’A14, convinti che prima o poi sarebbe transitata la supercar sospetta. Così è stato. Ma di fronte all’alt, la banda non si è arresa. 


Scene da film: i malviventi hanno speronato la gazzella dei carabinieri riuscendo a crearsi un varco, ma poi hanno perso il controllo dell’Audi e sono finiti fuori strada. La rocambolesca fuga è proseguita a piedi, nell’oscurità delle campagne tra Loreto e Porto Recanati. I militari dell’Arma hanno dato la caccia ai malviventi fino a notte fonda. Uno di loro è stato acciuffato: si tratta di un albanese con precedenti per furti. Due militari sono rimasti lievemente feriti nello speronamento e si sono fatti medicare all’ospedale. Sul posto sono stati soccorsi dai colleghi del Nucleo investigativo che si sono occupati di ispezionare l’Audi S3 abbandonata (mentre la polizia autostradale di Porto San Giorgio si è occupata dei rilievi dell’incidente): al suo interno sono state trovate diverse targhe rubate che i banditi erano soliti applicare sulla supercar per sfuggire al radar dei controlli. 


Gli investigatori ora sono impegnati nel ricostruire l’elenco delle abitazioni che il ladro albanese, finito in manette, avrebbe svaligiato insieme ai complici, le cui ricerche proseguono. Nelle ultime settimane la banda dell’Audi era stata avvistata nel Senigalliese, a Castelfidardo, ad Osimo, in Valmusone, ma anche fuori provincia e perfino in Abruzzo e nel Lazio. 

Ultimo aggiornamento: 15:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA