Non c'è pace per la classe pollaio: trovati gli spazi, mancano i docenti

Lunedì 14 Settembre 2020 di Sabrina Marinelli
Senigallia, non c'è pace per la classe pollaio: trovati gli spazi, mancano i docenti

SENIGALLIA -  Scuola post Covid, trovati gli spazi per dividere la maxi-classe del Corinaldesi, con 31 alunni. Manca però il personale, così oggi inizieranno le lezioni in aula magna. Risolto un problema se ne presenta un altro. Servono gli insegnanti per dividere gli alunni e soprattutto quelli di sostegno, essendoci anche dei disabili. La preside Anna Maria Nicolosi, subentrata all’inizio del mese, ha preso in carico subito il problema e ha optato per lo spazio più ampio a disposizione, l’aula magna, cercando con il personale presente di dividerli in alcuni momenti della giornata. 

LEGGI ANCHE:
Guanti monouso, protesta alla residenza per disabili: «Prezzi alle stelle, speculazione inaccettabile»

Movida in centro: caccia ai ragazzini senza mascherina nelle immagini delle telecamere

Nel corso dell’estate era stata prospettata l’aula di disegno, troppo stretta, per ospitare i 31 alunni di cui alcuni disabili ed immunodepressi. Ciò ha portato i genitori a rivolgersi ad un avvocato. Tra mille peripezie la dirigente è riuscita a trovare una risposta, almeno per iniziare.
 
«Stiamo facendo di tutto per fare in modo che i ragazzi stiano più tempo possibile in aule distinte – spiega Anna Maria Nicolosi, preside del Corinaldesi-Padovano – purtroppo manca l’organico in tutte le scuole d’Italia». Una situazione che si ripercuote anche nelle scuole di Senigallia e in particolare al Corinaldesi, annesso da settembre al Padovano. Nella scuola del Campus si è creata una maxi classe perché in massa molti studenti hanno scelto di frequentare lo stesso indirizzo. «La carenza di organico non dipende dalle singole scuole – prosegue la preside -. Non appena ci saranno le graduatorie pronte potranno nominare i supplenti. Sono parecchi gli insegnanti che ci mancano, soprattutto quelli di sostegno. Ogni anno l’inizio della scuola è così e quest’anno la situazione è più delicata da gestire, ma ho un ottimo gruppo di collaboratori che ha fatto un lavoro meraviglioso per permettere a tutti i ragazzi di rientrare in sicurezza. Hanno lavorato anche di domenica per preparare i locali». Tornando alla maxi-classe aggiunge: «Abbiamo trovato più spazi al Corinaldesi, quindi li utilizzeremo tutti per fare in modo che i ragazzi stiano più sicuri possibile. Con il nostro organico faremo in modo che in parte siano anche divisi poi quando si potranno nominare i supplenti, la situazione migliorerà ulteriormente. Inizieranno in aula magna ma avranno la possibilità per parte del tempo di essere divisi». Intanto agli studenti dell’Istituto comprensivo Senigallia sud il preside ha voluto dedicare un saluto per il primo giorno di scuola. 
Il saluto 
«Abbiamo profuso tutte le nostre energie e risorse per avviare l’anno scolastico nel migliore dei modi – le parole del dirigente scolastico Luca Maria Testa -. Questo nostro primo giorno di scuola sarà come quello che ha vissuto ciascuno di noi: alunni, genitori, docenti e il personale. Tutti saremo emozionati. Avremo aspettative e sensazioni contrastanti, felici di rivedere volti che non vediamo da tempo e di scoprire i docenti, cercando di captarne lo sguardo. Quest’anno scolastico vogliamo immaginarlo così: un’avventura con i suoi rischi, le sue sorprese e come tutte le avventure anche con le sue soddisfazioni. L’augurio è di rincontrarci alla meta, ancora una volta insieme, come una grande, bella squadra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA