Corinaldo, danni del terremoto: lavori per 630mila euro al Palazzo del Comune

Lunedì 21 Ottobre 2019
danni del terremoto: lavori per 630mila euro al Palazzo del Comune

CORINALDO - Anche il palazzo del Comune di Corinaldo è stato danneggiato dal terremoto del 2016: deicisi interventi strutturali per 630mila euro.

Operaio impegnato nei lavori del dopo terremoto cade nel cantiere

A seguito della scossa di terremoto che si è verificata il 30/10/2016, per tutelare l’incolumità pubblica, l’Amministrazione Comunale ha istituito un gruppo di lavoro con l’obiettivo di ispezionare tutti gli edifici comunali ed effettuare le dovute verifiche di vulnerabilità.
 
Terremoto in Albania magnitudo 5.8, crolli e feriti. Paura anche in Puglia

Le analisi effettuate sul Palazzo Comunale hanno portato alla luce delle criticità sanabili con degli interventi puntuali e non invasivi di messa in sicurezza. Tali interventi, per un valore complessivo di 630 mila euro, saranno effettuati con buona probabilità a partire dalla primavera prossima.

L’intervento, che riguarderà sia l’aspetto strutturale che quello architettonico, si pone l’obiettivo di migliorare le condizioni di sicurezza preesistenti mediante un insieme di azioni di riparazione e/o rafforzamento delle porzioni danneggiate come il ripristino della continuità muraria con interventi cuci-scuci, il recupero e il consolidamento delle volte in camorcanna, l’inserimento di tiranti o il consolidamento della capriata lignea della copertura. “Nostro compito e nostro obiettivo è assicurare alla comunità la tutela e la valorizzazione del patrimonio pubblico – ha sottolineato l’assessore ai Lavori Pubblici, Lucia Giraldi - garantendo non solo la sicurezza dei luoghi che frequentano ma anche la fruibilità e la funzionalità degli stessi. Tutti questi principi possono essere garantiti solo se si riesce ad impedire che venga meno un presupposto fondamentale per la vita di un fabbricato: l’uso. Grazie a questo intervento, si potrà restituire al centro storico di Corinaldo un altro edificio cardine del nostro patrimonio artistico storico e culturale che, assieme agli interventi già effettuati alle mura castellane e all’Ex Convento dei Padri Agostiniani contribuirà a riqualificare maggiormente il nostro Borgo.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA