Sola in casa, i ladri provano a entrare: «Salvata dalla chiave nella toppa. Ho urlato e sono scappati»

Sola in casa, i ladri provano a entrare: «Salvata dalla chiave nella toppa. Ho urlato e sono scappati»
Sola in casa, i ladri provano a entrare: «Salvata dalla chiave nella toppa. Ho urlato e sono scappati»
di Bianca Vichi
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Dicembre 2021, 02:10

CASTELLEONE DI SUASA - Sola in casa, vede la maniglia della porta muoversi dall’interno e si mette ad urlare. E’ accaduto sabato verso le 22 in via delle Ville a Castelleone di Suasa. Dei ladri stavano cercando di entrare in casa ma per fortuna la chiave, rimasta sulla toppa dall’interno, ha impedito che potessero riuscirci. Un quarto d’ora più tardi hanno provato anche in un’altra abitazione dove però è scattato l’allarme.

 

La fuga 

Dopo i due tentativi falliti se ne sono andati perché alle forze dell’ordine non risultano furti andati a buon fine. «Ero da sola in casa, in sala, con il mio cagnolino – racconta la donna che ha messo in fuga i ladri -, quando mi sono alzata per portarlo fuori verso le 22 e ho sentito un rumore strano. Mi sono affacciata in sala e ho visto la maniglia della porta che scendeva e saliva, probabilmente il rumore l’avevano provocato loro che stavano cercando di togliere la chiave della serratura». 
Hanno manovrato un po’ ma senza successo perché la serratura era bloccata da alcune mandate. Comprensibile lo spavento di una donna sola dentro una casa di campagna anche se al piano di sopra risiede il resto della famiglia. «Abito in campagna in una casa distante dalle altre – prosegue – mi sono messa ad urlare e hanno smesso poi sono scappati. Poco dopo sono andata in garage a chiudere a chiave, perché invece li era aperto, poi sono corsa di sopra ad avvertire i miei che non hanno visto nulla perché le finestre sono dalla parte opposta». 

La casa isolata

Si tratta di una casa isolata dove vivono al piano terra la donna e sopra i genitori e i nonni che non si sono accorti. Fuori era buio e la signora non ha potuto distinguere i ladri o il modello della macchina con cui sono scappati. «Non ho chiamato le forze dell’ordine perché non avrei avuto dettagli da dare loro – conclude –. Non ho visto che macchina fosse e non avrei potuto fornire una descrizione dei banditi, poi c’è voluto del tempo per calmarmi perché mi ero spaventata». Per mettere in guardia il resto del paese la donna ha scritto un post su Facebook diventato in poche ore virali, con decine di condivisioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA