Ancona, blitz dei carabinieri (grazie ai residenti) nello stabile del degrado: trovati crack e cocaina, denunciato un 37enne

Ancona, blitz dei carabinieri (grazie ai residenti) nello stabile del degrado: trovati crack e cocaina, denunciato un 37enne
Ancona, blitz dei carabinieri (grazie ai residenti) nello stabile del degrado: trovati crack e cocaina, denunciato un 37enne
3 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Agosto 2022, 10:10

ANCONA - Blitz nello stabile del degrado di via Torresi ad Ancona, i carabinieri trovano crack e cocaina. Denunciato un 37enne. L'intervento si è materializzato nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia di Ancona nell’ormai famigerato palazzo Telecom, da tempo oggetto di ripetute segnalazioni dei residenti nella zona.

La partecipazione dei residenti


Ed è stato anche grazie alla lodevole collaborazione dei cittadini, esasperati dalla triste situazione in cui versa l’intera zona, se gli uomini del Nucleo Operativo e Radiomobile, con il supporto di personale della Tenenza di Falconara Marittima, hanno potuto effettuare l’operazione intorno alle 18 di ieri, che ha consentito di sorprendere all’interno della palazzina ben quattro persone, che alla vista dei militari hanno subito tentato di dileguarsi, senza successo. I quattro sono stati bloccati, identificati e sottoposti a perquisizione personale, che in un caso si è rivelata essere positiva: uno di loro, infatti, un 37enne cittadino albanese gravato da precedenti di polizia, è stato trovato di un possesso contenente droghe pesanti di diversa natura, oltre che la somma contante di 150 euro in banconote di vario taglio, verosimile provento dell’attività di spaccio.

La droga già suddivisa in dosi


I Carabinieri hanno rinvenuto nella disponibilità dell’uomo circa 15 grammi complessivi di crack - in parte già suddivisi in dosi da circa un grammo, confezionate all’interno di bustine in cellophane pronte per essere cedute -  e di 7 grammi di cocaina, anch’essi pronti per essere immessi sul mercato. Il 37enne è stato dunque condotto presso la vicina caserma di Via della Montagnola per lo svolgimento di tutti gli adempimenti del caso, al cui termine è stato denunciato in stato di libertà, come disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA