Non basta il miglior Tamberi dell'anno: il podio sfuma per un errore di troppo

Non basta il miglior Tamberi dell'anno: il podio sfuma per un errore di troppo
2 Minuti di Lettura
Martedì 19 Luglio 2022, 04:56 - Ultimo aggiornamento: 11:56

EUGENE - Il miglior Gianmarco Tamberi dell'anno sfiora la medaglia nella finale del salto in alto dei Mondiali di Eugene. Gimbo si é piazzato al quarto posto superando i 2,33, oltre il suo record stagionale  che era di 2,31 indoor e 2,30 all'aperto. Esemplare la gara del campione anconetano, che ha saltato 2,19, 2,24 e 2,27 alla prima prova, poi ha avuto bisogno di tutti e tre i tentativi per superare i 2,30, quindi ha superato i 2,33 al secondo salto e infine ha sbagliato tre volte a 2,35. La medaglia é srata negata a Gianmarco solo da un errore in piú alle quote inferiori nei confronti di Protsenko, anche lui a 2,33. Ad aggiudicarsi il titolo l'amico rivale di Gimbo, il qatariota Mutaz Barshim, unico a passare i 2,37; medaglia d'argento per il coreano Woo, con 2.35. «È ovvio che mi dispiace - ha commentato a caldo - mi sarebbe piaciuto tantissimo portare a casa una medaglia, ma ho lottato con le unghie, così come in qualificazione. Ho fatto tanti salti diversi perchè mi manca la continuità su certe quote, ma credo di aver fatto il possibile».

I COMPLIMENTI DEL SINDACO MANCINELLI 

Gianmarco Tamberi è quarto ai Mondiali di Atletica negli Stati Uniti. Nonostante i problemi fisici ha dimostrato ancora una volta un grande carattere. Voglio complimentarmi con Gianmarco perche' è facile farlo quando si vince, meno nei momenti più complicati, che ci sono nello sport come nella vita. L'abbraccio con il vincitore, l'amico Barshim, e questo rapporto bello e spontaneo tra di loro, è la vera vittoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA