Pesaro, picchia i carabinieri che arrestano
il marito e finisce in cella anche lei

Pesaro, picchia i carabinieri che arrestano il marito e finisce in cella anche lei
1 Minuto di Lettura
Giovedì 7 Gennaio 2016, 19:56

PESARO - Non voleva che il compagno fosse condotto in carcere e così insulti e spintoni ai carabinieri mentre lo stavano arrestando. Tutto è successo l’altro giorno in un'abitazione nei pressi di Villa Fastiggi. Lui, 37 anni venezuelano doveva essere portato in carcere per scontare due precedenti condanne risalenti al 2011/2013 per guida in stato di ebbrezza. All'arrivo dei militari la donna si è scagliata contro di loro, tant'è che un carabiniere ha riportato contusioni giudicate dai medici guaribili in sei giorni. Prima, la compagna di 35 anni peruviana, si era messa alla porta cercando di bloccare l'ingresso ai carabinieri, riprendendoli con il telefonino. La donna non contenta, a un certo punto ha afferrato per un braccio uno dei militari sbattendo con forza la sua mano contro il muro, tutto di fronte ai figli minori. Solo con l'arrivo di due pattuglie del Radiomobile si è ritornati alla normalità. I militari hanno arrestato l'uomo e la compagna in flagranza del reato per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Ieri la convalida: la donna incensurata è stata posta ai domiciliari con tre mesi di reclusione, pena sospesa. Il compagno invece si trova nel carcere di Villa Fastiggi e oltre alla precedente condanna ad un anno, dovrà scontare altri sei mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA