Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pesaro, la maga dei bancomat imparava a memoria i pin e poi rubava le borse con le carte

Pesaro, la maga dei bancomat imparava a memoria i pin e poi rubava le borse con le carte
Pesaro, la maga dei bancomat imparava a memoria i pin e poi rubava le borse con le carte
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Novembre 2019, 02:15

PESARO - Spiava i clienti di supermercati per memorizzare il pin e poi rubare le carte. Un’accusa pesante e storie di furti che vengono al pettine. Con una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per nuovi addebiti. La protagonista è una 42enne di origine Sinti che vive in accampamenti di nomadi a Misano. Ieri mattina in tribunale a Pesaro un interrogatorio di garanzia per presunti nuovi addebiti. Secondo l’accusa sarebbe stata in supermercati tra Cattolica, Morciano, Misano e Riccione e avrebbe atteso i clienti che pagavano con il bancomat.

LEGGI ANCHE:
Fermo, furti senza tregua: ladri all'assalto delle villette, ma anche di negozi e supermercati

Ascoli, la folle nottata di un 38enne: si schianta tre volte e poi abbandona l'auto in strada


Visto come digitavano il pin, lo avrebbe memorizzato per poi aspettare la vittima al di fuori del market e rubarle la carta. Secondo l’accusa agiva con il figlio di 21 anni. Toccava al ragazzo chiedere informazioni a chi aveva appena fatto la spesa, con le portiere dell’auto aperte. Un momento di distrazione in cui la madre arraffava quello che c’era sul sedile, borse o portafogli. Così con bancomat e pin, i prelievi sarebbero stati un gioco da ragazzi. Ma non solo password e carte, tra gli episodi più gravi quello di Morciano in cui, accompagnata da una minorenne avrebbe aspettato la vittima, l’avrebbe distratta con la scusa di chiedere informazioni per poi agire assieme alla minore rubando il portafogli alla signora. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA