Truffe online, altre vittime. E un caso curioso: vende il divano tramite internet ma alla fine è lei a pagare il compratore

Martedì 31 Agosto 2021 di Luigi Benelli
Truffe online, altre vittime. E un caso curioso: vende il divano tramite internet ma alla fine è lei a pagare il compratore

PESARO  - Vende il divano online, ma alla fine è lei a pagare il compratore. E’ l’assurdo paradosso della truffa messa a segno da una 40enne milanese. Ma c’è anche il caso di un raggiro di una truffa per l’assicurazione. Il caso più curioso riguarda una ragazza residente a Pesaro di 29 anni che ha messo in vendita il divano su Subito.it. E’ stata contattata da una potenziale acquirente e dopo la trattativa, la compratrice ha convinto la pesarese a recarsi alle Poste per ricevere i soldi tramite la Postepay.

LEGGI ANCHE:

Senza biglietti scoppia il caos allo sportello del Santa Croce. Code e proteste per le analisi

 

La truffatrice milanese ha iniziato a dettare dei codici e in men che non si dica la vittima ha versato 1600 euro, in quattro distinte operazioni, alla 40enne. Il raggiro è emerso in pochi istanti perché la venditrice non vedeva arrivare il denaro pattuito, anzi si è accorta dell’ammanco dei soldi e ha subito denunciato tutto ai carabinieri. I militari hanno agito tempestivamente e tramite la Postepay sono riusciti a risalire alla 40enne milanese che per dissimulare la truffa ha riferito di aver smarrito le proprie carte prepagate e che dunque non era stata lei a guidare la vittima nelle operazioni truffaldine. Morale della favola, è stata denunciata per truffa. La donna, disoccupata, ha numerosi precedenti specifici e dunque andrà a processo. Una modalità sempre più in voga tra i malviventi che convincono i venditori a effettuare delle operazioni per ricevere soldi. Ma accade il contrario.

Era successo già anche a una 48enne di Vallefoglia a cui erano stati spillati ben 3.156 euro, il massimo consentito. Altro caso quello della truffa ai danni di una signora di Vallefoglia che ha cercato un preventivo on line per l’assicurazione auto. Ha lasciato un messaggio per farsi ricontattare e in breve tempo un sedicente assicuratore le ha fatto una proposta molto vantaggiosa.

Peccato che dopo l’invio di 307 euro la polizza non sia mai arrivata. La donna ha denunciato tutto ai carabinieri che si sono messi sulle tracce, tramite il numero telefonico, del truffatore. Sono risaliti a un 28enne napoletano e a una 56enne straniera che avevano ordito il piano. Sono stati denunciati per truffa in concorso. E’ massima allerta anche per questo tipo di raggiri dato che solo una settimana fa era accaduto un fatto simile. Una 39enne di Vallefoglia aveva versato 200 euro per poi accorgersi che alla Zurich Connect non ne sapevano nulla della sua polizza.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA