Gente che fruga tra le cose stese ad asciugare: allarme per gli sciacalli dell'alluvione

Gente che fruga tra le cose stese ad asciugare: allarme per gli sciacalli dell'alluvione
Gente che fruga tra le cose stese ad asciugare: allarme per gli sciacalli dell'alluvione
di Sabrina Marinelli
3 Minuti di Lettura
Martedì 20 Settembre 2022, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 17:50

SENIGALLIA -  L’incubo degli sciacalli nelle zone alluvionate dove la gente chiede più controlli. Nel mirino anche i volontari. A due sono spariti rispettivamente un telefono e uno zaino con il casco, mentre in spiaggia è stato scassinato un distributore automatico in uno stabilimento balneare. Rubate due bici in via Leoncavallo domenica pomeriggio mentre i carabinieri hanno ricevuto una denuncia per tentato furto in via Esino.

 

Numerosi i casi di gente allontanata dagli alluvionati mentre frugava tra i ricordi messi ad asciugare. Pensavano fossero da buttare. 

Le segnalazioni

«Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni – spiega Barbara Rotatori, responsabile comunale della protezione civile – e il sindaco provvederà in giornata a chiedere maggiori controlli al questore». In località Molino Marazzana un volontario si è ritrovato senza telefono. Ha già sporto denuncia. Di ieri anche la segnalazione di uno zaino rubato da un mezzo della protezione civile a Largo Boito. All’interno oltre ai documenti e al portafoglio c’era anche un casco che per il proprietario ha un valore affettivo. «In un momento difficile e delicato come questo invece di stare vicini alle nostre imprese – commenta Giacomo Cicconi Massi, referente territoriale di Confartigianato in merito al distributore scassinato in spiaggia – c’è chi pensa a come danneggiarle, ci auguriamo che presto vengano messi in atto tutti quegli strumenti che permettano di risalire a chi compie questo tipo di interventi». Oltre ai veri sciacalli c’è stata anche una famiglia immortalata, con tanto di numero di targa della macchina, che ha fatto il giro dei social. Stava recuperando dei quadri per un’amica alluvionata finendo nel mirino dei leoni da tastiera ingiustamente. L’alluvionato, che ha scattato la foto, si è scusato e quanto accaduto la dice lunga sul clima che chi già ha subito danni deve vivere perché, anche se non è questo il caso, episodi di sciacallaggio sono avvenuti davvero. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA