Liste d’attesa, le file si riallungano. Screening oncologici indietro. Saltamartini: «Ora le urgenze, sblocco a gennaio»

Lunedì 15 Novembre 2021 di Andrea Taffi
Liste d attesa, le file si riallungano. Screening oncologici indietro. Saltamartini: «Ora le urgenze, sblocco a gennaio»

ANCONA - Al politico non manca l’onestà intellettuale: «I tempi sono inaccettabili» conviene Filippo Saltamartini, titolare della Sanità per la Regione Marche. «E il mio pensiero - continua - va agli screening oncologici che vanno garantiti subito e comunque nei tempi per le patologie più gravi».

L’incidenza che arriva a 100? Un anno fa era tre volte più su. Merito dei vaccini, ma resta il pericolo della quarta ondata

 

Il tema è sul tavolo di palazzo Rossini da quattro mesi ma è ritornato di attualità da settembre con la riesplosione delle liste d’attesa. I numeri sono imbarazzanti e l’approccio scelto per contrastare il ritardo accumulatosi nel corso delle tre ondate Covid è sistemico. «L’obiettivo è rifondare l’organizzazione partendo dai medici di base - spiega Saltamartini - dobbiamo partire dalla prenotazione. Il medico che fa il certificato deve poter prenotare la prestazione. Stiamo lavorando per far sì che il medico possa fare direttamente la prenotazione. Questo comporta un aumento degli oneri per i professionisti e lo sto trattando con loro. Il ruolo dei medici di base si innesta all’interno del tema del Pnrr che nelle Marche prevede 53 Case della salute, 13 ospedali di comunità e 15 Cot, le centrali operative.

 

L’intenzione è quella di portare i medici di medicina generale dentro le case della salute mettendo loro a disposizione anche personale amministrativo, infermieri e specialisti. Un team cioè che possa rafforzare la medicina del territorio, debolissima come si è visto dall’inizio della pandemia». Già, la pandemia e l’emergenza riorganizzativa hanno fatto saltare tutti gli asset, smodulando le organizzazioni. A questo si aggiunge la grande obsolescenza delle macchine per la diagnostica. «Abbiamo un investimento pronto per 27 milioni di euro - dettaglia Saltamartini - e abbiamo già individuato quali sono le macchine che dobbiamo comprare. La questione è che non ci fanno comprare le macchine di ultima generazione per un nodo procedurale aperto tra ministero dell’Economia e Unione europea. C’è un’interlocuzione aperta con il governo, ho interessato i sottosegretari Costa e Sileri». Il punto tre dell’approccio sistemico ruota attorno alla capacità di spesa prevista ogni anno per la Regione e ai vincoli di bilancio imposti. «Il budget è stabilito dal ministero e noi abbiamo esaurito il tetto per il pubblico a giugno. La prossima settimana c’è un incontro in Conferenza delle Regioni perché se ci sono vincoli di bilancio noi non siamo in grado di offrire le prestazioni per l’eliminazione delle liste di attesa. Di più - continua Saltamartini -. Il calcolo dei fondi per le Regioni si basa sulla spesa storica. Il numero dei miei medici e infermieri dipende da questo paramento ma dalla prossima legge finanziaria sembra si sposti sui livelli delle prestazioni da garantire». 

«Confidiamo di avere maggiore disponibilità» spera Saltamartini che poi fa la fotografia della situazione marchigiana. «Se il pubblico non è in grado di offrirti la prestazione allora scatta la lista d’attesa e si va dal privato. Il privato è poco presente al Nord ma fortemente presente al Sud per cui il Cup regionale dice: la prestazione non c’è a Fano ma a San Benedetto. E chiaramente i pesaresi vanno in Romagna». Saltamartini ha chiesto i livelli di produttività dei macchinari per fissare un benchmark. «La macchina che produce di più è una risonanza magnetica che sta all’ospedale di Ascoli: fa 70 esami a settimana. Ma ad Ascoli ci sono sette medici che per esempio a Macerata non ci sono. E questo è un altro problema. Dobbiamo omologare le organizzazioni dei reparti delle aziende e su questo agiremo con la riforma della legge 13». Insomma, assessore che tempi vi siete dati? «Noi dobbiamo partire subito con tutti gli screening e accertamenti radiologici necessari. Sono garantite le urgenze. Lo sblocco delle liste di attesa avverrà all’inizio dell’anno quando ci sarà la possibilità di fare consulenze nelle cliniche private. Questo ci dà sei mesi per portare le nuove macchine che il Pnrr ci mette a disposizione e per le assunzioni che la legge di finanza ci consentirà. Così da metà 2022 dovremmo parlare di una storia molto diversa».


© RIPRODUZIONE RISERVATA 

Ultimo aggiornamento: 15:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA