Fano-Grosseto, finanziati 97 milioni, ne mancano ancora 483. L’incompiuta vede la luce e sarà tutta a 4 corsie

La Fano Grosseto sarà tutta a quattro corsie
La Fano Grosseto sarà tutta a quattro corsie
di Maria Teresa Bianciardi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 02:20 - Ultimo aggiornamento: 14:30

ANCONA - Si procede a passo spedito per quella che è considerata una delle più indigeste incompiute delle Marche, un collegamento viario tra l’Adriatico ed il Tirreno rimasto in sospeso per decenni e che adesso è stato inserito tra le opere strategiche del governo, con la nomina di un commissario straordinario - Massimo Simonini - chiamato a seguire da vicino da realizzazione dell’opera. 

Salaria, Orte-Falconara e porti, quasi 7 miliardi per le Marche. Ecco l’elenco delle opere e dei fondi nel Documento economico del governo

 

Quello che manca 
Nell’Allegato 2022 al Def del ministero delle Infrastrutture la Fano Grosseto, tratto marchigiano, è stata al momento finanziata con 97 milioni di euro su 580 necessari per la realizzazione dei tratti di collegamento mancanti. Attualmente dunque, mancano ancora all’appello circa 483 milioni che dovranno essere reperiti negli anni a venire. I fondi attuali consentiranno comunque di far partire stralci importanti, come l’adeguamento a 2 corsie della Galleria della Guinza (lotto 2°) e del Tratto Guinza - Mercatello Ovest (lotto 3°) dal costo totale di 90 milioni di euro: per questo cantiere ci sono già 86 milioni di risorse disponibili. Dei 130 milioni che servono per l’adeguamento a 2 corsie del tratto della Variante di Urbania, le risorse disponibili sono invece solo 8 milioni, mentre ci solo 3,8 milioni dei 100 che servono per l’adeguamento sempre a due corsie del tratto Mercatello sul Metauro ovest - Mercatello sul Metauro est (4° lotto). Non pervenuti invece i 260 milioni che dovranno essere investiti per l’adeguamento a 2 corsie del tratto Mercatello sul Metauro est - S.Stefano di Gaifa (Lotti 5-10). Una strada che verrà realizzata a quattro corsie, così come deciso dall’ultima conferenza dei servizi con il commissario straordinario. 


La progettazione
L’assessore regionale Francesco Baldelli ha confermato la decisione ed ha ricordato l’impegno delle istituzioni affinchè l’E78 Fano-Grosseto «venga interamente progettata a quattro corsie e non si riduca ad un’arteria che s’allarga e restringe in maniera illogica come una fisarmonica, penalizzando soprattutto chi percorre il tratto marchigiano e le popolazioni che vivono nei Comuni a ridosso della strada». Sempre la Regione nel Masterplan delle infrastrutture stradali, sta progettando anche alcune incompiute minori del territorio, «con l’obiettivo di realizzare intervallive e pedemontane che rappresentano la cosiddetta autostrada dei territori interni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA