Ancona, anziani a lezione dalle forze
dell'ordine per difendersi dai truffatori

Mercoledì 11 Settembre 2019

ANCONA - Il pericolo di truffe, raggiri, furti e rapine ai danni delle fasce più deboli è ovunque. Spesso nel mirino finiscono le persone anziane e per questo Confartigianto ha pensato ad un confronto tra le potenzili vittime e le forze dell'ordine.

La bella pranoterapeuta e i finti tecnici: due anziani truffati

L’arma migliore per difendersi consiste nel conoscere i trucchi usati dai malintenzionati e le situazioni a rischio: informare gli anziani significa renderli più sicuri. La prevenzione si attua con l’informazione.
Venerdì 13 settembre presso il centro direzionale Confartigianato di Via Fioretti 2/a Ancona alle ore 17.30  si terrà l’incontro con le forze dell’ordine in occasione della IV campagna nazionale per la sicurezza degli anziani. Interverranno : il sostituto commissario Franco Pechini Questura di Ancona, il cap. Fabio Ibba comando provinciale Carabinieri di Ancona, Ten. Col. Francesco Salvo comando provinciale Guardia di Finanza di Ancona. Parteciperanno  il presidente ed il segretario generale di Confartigianato Graziano Sabbatini e Marco Pierpaoli, il presidente Anap Claudio Maria Latini, la responsabile Rosella Carpera.
La quota di anziani nella nostra regione è pari al 24,8%, superiore alla media nazionale e prevista raggiungere un terzo dei residenti tra una ventina di anni.
Nelle Marche gli ultrasessantacinquenni sono 378.321: 165.003 gli uomini e 213.318 le donne.
Gli anziani sono più esposti ai fenomeni di criminalità e  pertanto Confartigianato ha promosso una mirata campagna di sensibilizzazione  per fornire  alle potenziali vittime utili consigli per evitare di incorrere in situazioni di pericolo. 
Sono stati realizzati depliant e vademecum che contengono suggerimenti per le persone anziane volti a consentire loro di difendersi dai rischi di truffe, raggiri, furti e rapine. Si tratta di semplici regole di comportamento suggerite dalle Forze dell’ordine per evitare di finire nelle spire di malintenzionati in casa, per strada, sui mezzi di trasporto, nei luoghi pubblici, ma anche mentre si utilizza  internet.  Le occasioni di potenziale pericolo sono ovunque e, per ogni circostanza, vengono indicati i ‘trucchi’ messi in atto dai malintenzionati e le ‘risposte’ di prudenza da adottare. Su tutte, l’invito a rivolgersi sempre con fiducia alle Forze di polizia, che tanto hanno già fatto, stanno facendo e continueranno a fare per tutti noi cittadini, per segnalare comportamenti sospetti e per denunciare situazioni di pericolo.
L’obiettivo principale di questa iniziativa –  spiega  Claudio Maria Latini presidente dei pensionati di Confartigianato– è quello di informare i nostri anziani su alcuni comportamenti da seguire, permettendo loro di vivere in sicurezza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA