Minaccia la ex e l'amico: «Vi ficco sotto terra vivi». Condannato per stalking

San Severino, minaccia la ex e l'amico: «Vi ficco sotto terra vivi». Condannato per stalking
San Severino, minaccia la ex e l'amico: «Vi ficco sotto terra vivi». Condannato per stalking
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Gennaio 2020, 10:56

SAN SEVERINO - «Ho saputo che è andata in questura, se è vero vi ficco sotto terra vivi. È una minaccia e sia chiaro che non scherzo». È solo una delle minacce che un muratore di 40 anni avrebbe rivolto alla ex e a un suo amico. Lo stalking nei confronti della donna gli è costata una condanna a un anno di reclusione e al pagamento di 6.000 euro di risarcimento alla donna, parte civile con l’avvocato Sergio Ariozzi. Lo ha stabilito ieri il giudice Marika Vecchiarino che ha condannato l’uomo accusato di atti persecutori (il pm Luisella Tassi aveva chiesto una pena più severa: due anni e quattro mesi). 

LEGGI ANCHE:
Macerata, violenza sessuale sulla nipotina e l'amichetta: un pensionato sotto accusa

Macerata, ubriaco inneggia ai campi di sterminio, poi aggredisce il padre e i poliziotti: arrestato

I fatti contestati risalgono al 2016 quando la giovane aveva deciso di porre la parola fine alla relazione sentimentale che l’aveva legata al muratore. Ma l’uomo, invece di accettare la decisione e riorganizzare la propria vita, non s’era rassegnato al pensiero di non tornare più con la ex e aveva iniziato a perseguitarla. Continue telefonate anche di notte, messaggi, pedinamenti, appostamenti vicino all’abitazione e in un’occasione le aveva impedito di chiudere la porta di casa, era entrato e l’aveva subissata di domande ossessive sulla sua vita privata. Informato del fatto che il questore aveva emesso nei suoi confronti il provvedimento dell’ammonimento, inviò un messaggio di fuoco a un amico della ex: «Ho saputo che (il nome della ex, ndr) mi ha fatto una lettera di ammonimento alla questura, te dico solo questo e te avviso se è vero vengo a prendere te e chiappo a lei e ve ficco sotto terra vivi. È una minaccia, capito? E sia chiaro, non scherzo». Spaventata e in preda all’ansia, la giovane era andata via da San Severino e si era trasferita in un comune vicino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA