La moglie lo tradisce con il vicino di casa, lui gli chiede soldi in cambio del silenzio

Venerdì 24 Gennaio 2020 di Benedetta Lombo
La moglie lo tradisce con il vicino di casa, lui gli chiede soldi in cambio del silenzio
RECANATI - Scopre di essere stato tradito dalla moglie con il vicino di casa e ricatta l’amante: «Dammi i soldi o dico ai tuoi familiari del tradimento». Dopo qualche mese mette in giardino un cartello con la scritta “Casa del “latin lover” (il termine usato nel poster aveva un sapore più aspro, ndr) sfascia famiglie” con una freccia che indicava l’abitazione dell’amante ben visibile da chi passeggiava lungo la strada. È finito sotto processo per tentata estorsione e diffamazione un 59enne recanatese. L’amara scoperta della relazione extraconiugale risale al periodo a cavallo tra il 2015 e il 2016, perché a gennaio del 2016 il marito tradito avrebbe iniziato a minacciare il suo rivale, anche lui sposato, di rivelare la tresca ai familiari e ai conoscenti di lui, così da rendergli impossibile la vita nella città leopardiana. 

LEGGI ANCHE: Lite con la cugina per i terreni: dipendente comunale a processo per lo stalking con la motosega

  
Ma quello che inizialmente era parso essere uno sfogo, in seguito si sarebbe trasformato in qualcos’altro. Il 59enne, infatti, in base a quanto ricostruito dal sostituto procuratore Margherita Brunelli, avrebbe prima cercato di costringere l’amante della moglie a cedergli a titolo gratuito la sua abitazione, poi a consegnargli somme di denaro variabili, dai 25.000 euro ai 10.000, in cambio del silenzio. Il denaro sarebbe stato giustificato con lavori di giardinaggio che il marito traditore avrebbe dovuto commissionare al marito tradito, circostanza che però non si è mai verificata. Andati a vuoto questi tentativi, il 59enne sarebbe tornato alla carica con nuove richieste di denaro, ma di importo inferiore: 2.500 euro per pagare spese mediche per un familiare. 
 
L’amante della moglie, però, si sarebbe sempre rifiutato di pagare alcunché per circa nove mesi. L’ultima richiesta estorsiva sarebbe avvenuta a settembre di quattro anni fa. Poi alcuni mesi di calma apparente e in primavera l’ultima azione: un cartellone di discrete dimensioni affisso in giardino con tanto di freccia rivolta verso la casa del rivale per indicare a tutti i passanti, l’immobile in cui viveva l’uomo che aveva avuto la relazione extraconiugale con la propria moglie. Ieri mattina si è aperto il processo davanti al giudice Federico Simonelli e al pm Raffaela Zuccarini. L’imputato è difeso dall’avvocato Aldo Rino Sichetti. A gennaio del prossimo anno saranno sentiti i primi testimoni. © RIPRODUZIONE RISERVATA