«Qui non potete stare» e accoltella un 22enne. È in prognosi riservata

«Qui non potete stare» e accoltella un 22enne a Recanati. È in prognosi riservata
«Qui non potete stare» e accoltella un 22enne a Recanati. È in prognosi riservata
di Giulia Sancricca
3 Minuti di Lettura
Domenica 31 Luglio 2022, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 12:27

RECANATI - «Mi disturbate, andate via: qui non potete stare». Infastidito dal vociare di alcuni giovani, tira fuori un coltello e sferra più fendenti ad un 22enne italiano di origini nordafricane. L’aggressore, Omar Pintucci, un 47enne di Recanati, è stato arrestato dai militari della locale stazione dei carabinieri, con l’ipotesi di reato di tentato omicidio, aggravato dai futili motivi e porto abusivo di arma da taglio.

A poche ore dai fatti che hanno sconvolto il Paese, avvenuti venerdì a Civitanova, anche il centro storico della città leopardiana è stato interessato da una violenta aggressione.

La ricostruzione

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, un gruppo di giovani del posto, insieme ad alcuni studenti che festeggiavano la chiusura del loro campus, si trovavano nei pressi del bar Mirò, in via Cavour, e sono stati avvicinati da un uomo che avrebbe cominciato a dibattere con alcuni di loro, dicendo di essere stato disturbato. La discussione è degenerata fino a quando, vicino a vicolo Alemanni, l’uomo avrebbe tirato fuori un coltello a scatto dalla tasca, colpendo al torace ed alla schiena uno dei giovani del gruppo. A quel punto è intervenuto il gestore del locale insieme ad altri presenti. È lui a raccontare i momenti concitati dell’aggressione. «Scossi da quanto era accaduto poco prima a Civitanova – racconta – la prima cosa che abbiamo fatto è stata di intervenire per bloccare l’aggressore e togliergli il coltello che poi ho consegnato agli inquirenti. A quel punto l’uomo è fuggito e io ho caricato in macchina il ragazzo ferito. L’ho accompagnato all’ospedale di Recanati, poi so che i sanitari lo hanno trasferito a Torrette». Il 22enne, ferito con più colpi al torace e alla schiena, è stato subito sottoposto a un delicato intervento chirurgico ed attualmente è in condizioni critiche e in prognosi riservata. Sul posto, invece, sono intervenuti i carabinieri delle stazioni di Recanati e Porto Recanati che, sulla scorta delle testimonianze acquisite e la visione di alcuni filmati di videosorveglianza, hanno raccolto elementi a carico dell’operaio recanatese, arrestato per i fatti accertati nella flagranza. Dopo essere stato medicato al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova per le escoriazioni riportate durante la lite, Pintucci è stato accompagnato al carcere di Montacuto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA