L'allarme dei balneari: «Ci prepariamo alla stagione estiva ma il rischio è non avere la spiaggia»

La spiaggia divorata dal mare a Scossicci
La spiaggia divorata dal mare a Scossicci
di Giulia Sancricca
3 Minuti di Lettura
Martedì 22 Marzo 2022, 06:25

PORTO RECANATI - La primavera appena arrivata porta con sé la voglia di mare e di vacanze: crescono le prenotazioni per la stagione balneare, ma a Porto Recanati gli operatori si trovano a fare i conti con l’annoso problema dell’erosione della costa. Ancora una volta il grido d’allarme si leva da Scossicci: «La richiesta supera la reale disponibilità di spazio. Senza spiaggia è difficile programmare il nostro lavoro». 

 

Queste le parole di chi da anni gestisce gli chalet del litorale nord di Porto Recanati e anche quest’anno si trova in difficoltà per la mancanza della spiaggia. Così, nel periodo in cui cominciano le pulizie degli stabilimenti in vista della Pasqua, la preoccupazione è per ciò che verrà dopo. «Tutti pensano che i problemi siano scomparsi - dice Andrea Marcelli del Barracuda - . In realtà siamo stati concentrati sulle proteste per la direttiva Bolkestein e l’attenzione sulla questione delle spiagge è scesa, ma questo non significa che sia stata trovata una soluzione. Noi cercheremo di fare il nostro meglio: per Pasqua, anche se non aprirò, ho deciso di mettere in ordine la mia area così che i passanti possano trovare pulito, ma non so cosa ci aspetterà per l’estate. La manutenzione dei pennelli effettuata ad ottobre ha funzionato in alcuni tratti, ma in altri ha peggiorato la situazione. Viviamo nell’incertezza: il nostro lavoro dipende dalle mareggiate, in base alla loro provenienza tolgono o portano sabbia».

È molto indignata Anna Procaccini del Palm Beach, uno degli chalet che più ha risentito negativamente della manutenzione dei pennelli. «I lavori fatti stanno massacrando la mia spiaggia. Non ho più spazio per mettere gli ombrelloni. Ho già scritto al prefetto per segnalare la situazione. Sono 37 anni che stiamo facendo questa battaglia: cambiano le amministrazioni comunale e regionale, ma la nostra situazione resta sempre drammatica. Se non riportano la sabbia quest’anno non potrò aprire. A chi chiama per prenotare non so cosa rispondere».

Stessa preoccupazione per Simone Camilletti dell’Acropoli. «Noi apriremo a maggio - dice - , ma è chiaro che tra la Bolkestein, la spiaggia malridotta e i cari bollette non prevediamo una stagione semplice. La speranza è che aumentino le presenze, ma senza spazio non avrebbe senso nemmeno quello. Le richieste di chi vorrebbe venire sono altissime, ma al momento ci siamo fermati perché è inutile promettere l’ombrellone se poi non abbiamo spazio». 

Secondo Massimiliano Tomassini, rappresentante Abat locale e titolare dello chalet Da Massi, potrebbe essere difficile anche sistemare la spiaggia prima dell’estate. «L’amministrazione ha richiesto fondi per circa 500mila euro - dice -, ma non so se sono stati finanziati. Ho dei dubbi che si riescano a utilizzare prima dell’estate. Credo che dovremo vivere l’ennesima stagione problematica - conclude - senza poter programmare il lavoro».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA