Il personale è al lavoro senza la mascherina, la prefettura fa chiudere un ristorante

Il cartello indicante la chiusura per ordine del prefetto
Il cartello indicante la chiusura per ordine del prefetto
di Emanuele Pagnanini
1 Minuto di Lettura
Martedì 11 Agosto 2020, 06:30

POTENZA PICENA - Attività sospesa da ieri fino a venerdì 14 agosto compreso. Questa la disposizione del prefetto per un ristorante di Porto Potenza all’interno del quale, stando a quanto emerso in un controllo, lavorava personale senza indossare la mascherina. Il fatto contestato risale alla fine di luglio quando un medico ha segnalato il mancato rispetto della normativa.
Il dottore, particolarmente sensibile alla questione essendo stato in prima linea nella battaglia contro il contagio, aveva chiamato i carabinieri. Una volta sul posto, i militari della locale stazione hanno rilevato che non erano solo i camerieri a non indossare i dispositivi di sicurezza ma anche il personale in cucina e lo stesso titolare. Al momento del controllo è scattata la sanzione pecuniaria di 400 euro. Ma la conseguenza più grave è stata la segnalazione alla prefettura, come da normativa.
E proprio il prefetto può, in casi come questo, far scattare la sospensione dell’attività da un minimo di 5 giorni fino ad un massimo di 30. Applicato il minimo della pena prevista, 5 giorni di chiusura del ristorante. Ma il provvedimento ha interessato la settimana clou dell’estate, in cui i ristoratori riempiono dispense e frigoriferi, ordinano più cibo fresco prevedendo più clienti. In fumo la cena di Ferragosto, quella del 14. Ma almeno sono state salvate le prenotazioni per il pranzo del 15. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA