Anziano scivola e si spara a un piede, paura durante una battuta di caccia

Lunedì 26 Ottobre 2020 di Monia Orazi
Sul posto è intervenuta l'ambulanza del 118

ESANATOGLIA - Va a caccia, scivola e gli partono due colpi dal fucile che lo riferiscono ad un piede. Un 75enne di Esanatoglia ieri mattina, mentre era a caccia sulle alture nei pressi di San Cataldo, è improvvisamente scivolato e cadendo gli sono partiti due colpi dalla doppietta che lo hanno colpito alle dita dei piedi. Un dolore lancinante per l’anziano residente in paese, un cacciatore provetto con anni di esperienza nell’attività venatoria, che ieri mattina aveva deciso di andare con vari amici alla caccia alla lepre. 

 
Partito di buon mattino aveva raggiunto la zona collinare e boscosa che circonda il paese, si era incamminato iniziando la battuta di caccia. Poco dopo le 8 ha perso l’equilibrio scivolando a terra, con la doppietta che gli è sfuggita di mano e subito sono partiti un paio di proiettili che lo hanno centrato a un piede. Il boato secco degli spari e le urla di dolore, hanno attirato gli altri cacciatori che erano con lui. Uno di loro si è avvicinato prestandogli i primi soccorsi e dando l’allarme. Subito è partita l’ambulanza del 118 che ha raggiunto la zona e da Matelica sono arrivati i carabinieri per ricostruire la dinamica dell’accaduto. 


Una volta giunti sul posto gli uomini dell’emergenza sanitaria hanno constatato che lo stato dell’anziano, nonostante lo choc ed i dolori diffusi, non era grave e lo hanno trasportato all’ospedale di Camerino, dove si trova ricoverato per le ferite riportate. Le sue condizioni non destano particolare preoccupazione, ma ne avrà per diverse settimane a causa delle ferite ai piedi. In base ad una prima ricostruzione i colpi dalla doppietta sono partiti a causa della caduta dell’uomo, scivolando ha premuto accidentalmente il grilletto. Per il pensionato di Esanatoglia sono stati attimi di grande paura, per il dolore lancinante e per lo choc dell’accaduto. Grazie ai soccorsi immediati tutto è andato per il meglio ed in breve tempo si è saputo che le condizioni del cacciatore non sono preoccupanti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA