Canullo stroncato da una malattia. È stato un simbolo del commercio, fondò il negozio "Il momento"

Martedì 30 Marzo 2021 di Marco Pagliariccio
Sergio Canullo

CORRIDONIA - Un uomo solare e con tanta voglia di fare. Lo ricordano tutti così Sergio Canullo, che si è spento domenica sera all’età di 69 anni dopo aver combattuto a lungo con un male incurabile. Un pezzo di storia non solo del quartiere in cui abitava, Passo del Bidollo, ma di tutta la città, grazie soprattutto al negozio di abbigliamento che aveva fondato decenni fa e che era diventato un punto di riferimento per tutto il circondario. “Il momento”, così si chiamava la sua attività, era presto diventato tra i più “in” tra i ragazzi di Corridonia e dintorni perché era stato tra i primi a rifornirsi delle marche più in voga in fatto di abbigliamento all’ultimo grido. 

 


Dopo la chiusura del negozio, non aveva però smesso con l’attività commerciale e insieme alla moglie era diventato un ambulante, sempre presente al mercato settimanale di Corridonia ma anche in tante fiere e mercati del Maceratese ed oltre. «Una notizia tremenda – sottolinea l’ex sindaco Nelia Calvigioni –. Lo ricordo anche come una delle anime del comitato festeggiamenti di Passo del Bidollo. Lo incontravo sempre al mercato, una persona allegra e solare con la quale era sempre un piacere parlare. Le mie più sentite condoglianze alla famiglia». Infatti, al fianco dell’attività commerciale, Sergio ha sempre portato avanti con dedizione l’impegno per la sua comunità, quella di Passo del Bidollo e di Colbuccaro, come ricorda anche il consigliere comunale Paolo Bertini.

«L’avevo visto giusto una settimana fa davanti casa sua, sapevo che era malato da tempo ma evidentemente le sue condizioni sono peggiorate rapidamente negli ultimi giorni – racconta Bertini –. Lo ricordo nel gruppo che organizzava i festeggiamenti del quartiere e in particolare la fiera di inizio estate, la prima domenica di giugno. Una bravissima persona e una bella famiglia la sua, lascerà un grande vuoto». Canullo lascia la moglie Claudia e due figli, Danilo e Romina. La camera ardente è stata aperta durante tutta la giornata di ieri presso la Sala del commiato Verdini in via Font’Orsola e da lì stamattina partirà alla volta della chiesa della Natività di Maria di Passo del Bidollo, dove alle 10 si terrà il funerale, nel rispetto delle normative anti-Covid. La famiglia ha chiesto di non portare fiori, ma di fare opere di bene. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA