Addio alla cabina del Varco sul mare, era il rifugio di sbandati e senzatetto

I lavori al Varco sul mare
I lavori al Varco sul mare
di Giuseppe Porzi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Aprile 2022, 06:30

CIVITANOVA - Via la cabina Enel dal Varco sul mare, la nuova cabina sarà spostata in via Cavour. L’amministrazione comunale ha approvato il progetto definitivo-esecutivo per la demolizione della vecchia cabina esistente, ubicata sul lungomare Piermanni per procedere al primo stralcio del progetto di riqualificazione del Varco sul mare, affidato al Politecnico di Milano – Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle costruzioni ed Ambiente costruito.

 

L’attuale cabina è in condizioni di notevole degrado e presenta lesioni in corrispondenza del solaio di copertura e delle strutture in elevazione. Inoltre, risulta ubicata in corrispondenza del futuro accesso pedonale dal lungomare Piermanni, da qui la decisione di demolirla e realizzarne una nuova su via Cavour, in un’area meno impattante dal punto di vista architettonico, di dimensioni ridotte, secondo le specifiche indicate da Enel Distribuzione. L’importo complessivo del progetto è di 185mila euro, di cui quasi 91mila per i lavori e gli oneri per sicurezza).

«Siamo partiti con il progetto di ristrutturazione del Varco sul mare sviluppato dal Politecnico di Milano – spiega il sindaco Fabrizio Ciarapica – iniziando dalla cosiddetta “Stanza 4” su indicazioni dell’Ateneo. Dopo il passaggio in giunta per la realizzazione del nuovo collettore fognario per le acque chiare su via Cavour, agiremo ora sulla cabina dell’Enel che in questi anni è stata oggetto di numerosi interventi di messa in sicurezza da parte del Comune, poiché utilizzata spesso come rifugio da senzatetto. Si tratta del primo stralcio dell’intervento di rigenerazione urbana della più generale riqualificazione di piazza XX Settembre e delle aree limitrofe all’ex Ente Fiera, che ospiterà nuove infrastrutture tra cui piazzali, camminamenti e campi polivalenti».

Tutte strutture che andranno ad aumentare notevolmente la portata d’acqua da convogliare nel collettore. Tale collettore fognario servirà a convogliare, come detto, le acque chiare e sarà realizzato lungo via Cavour, nel tratto compreso tra il lungomare Piermanni e via Menotti.

Nelle scorse settimane il primo cittadino civitanovese aveva ricordato il lavoro compiuto in questo ultimo anno e mezzo concretizzatosi con «numerose riunioni con i referenti del Politecnico di Milano al fine di definire gli elementi tecnici dello stato di fatto e quelli progettuali», Insomma, secondo le intenzioni dell’amministrazione comunale, l’intervento si pone diversi obiettivi: da quello della rigenerazione urbana di uno spazio determinante del cuore cittadino attraverso la riqualificazione di spazi destinati alla collettività, quello della sicurezza, con la rifunzionalizzazione di spazi e manufatti abbandonati e in degrado a quello di carattere più strettamente ambientale con il miglioramento della raccolta e smaltimento bianche.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA