Lungomare nord, sosta per motociclette e bici: «Spazi necessari contro il traffico caos»

Venerdì 21 Gennaio 2022 di Emanuele Pagnanini
Lungomare nord, sosta per motociclette e bici: «Spazi necessari contro il traffico caos»

CIVITANOVA  - «Lungo il nuovo tratto di marciapiede e ciclabile del lungomare nord non saranno realizzati parcheggi per auto ma solo per motociclette e bici». A precisarlo è l’assessore ai Lavori pubblici Ermanno Carassai. 

 


Il progetto di riqualificazione, per il quale è stato concesso un mutuo di 230mila euro dal Credito Sportivo, interessa 175 metri tra le concessioni balneari Aloha e Ippocampo e rappresenta la prosecuzione dello “slargo” realizzato nel 2020, con il percorso ciclabile spostato sulla spiaggia libera con un andamento sinuoso. Nello spazio guadagnato tra strada e spiaggia, realizzati parcheggi per auto, oltre a verde e al nuovo marciapiede. La stessa cosa sarà replicata nei 175 metri a nord verso lo stabilimenti Ippocampo ad esclusione degli stalli per automobili. In realtà nella relazione tecnica del progetto viene precisato che «non saranno implementati parcheggi per auto e moto». Ma poi la giunta ha deciso che per le due ruote servivano spazi. 

Ieri è arrivata la dura nota della Fiab di Macerata e Fermo, cui non piace il sacrificio della spiaggia libera e teme che i soldi del Credito Sportivo (da usare, appunto per strutture sportive) servano per aumentare i posti macchina. «Non si tratta solo di una soluzione estetica – spiega l’assessore – che comunque è coerente con quanto già realizzato. In quel tratto di lunga spiaggia libera si arriva soprattutto in bicicletta e in scooter. Per cui abbiamo pensato di dare spazio alle due ruote. D’estate assistiamo a un parcheggio selvaggio di bici in ogni dove, anche gli scooter sono infilati su marciapiedi, davanti a cancelli o lungo la ciclabile. Parcheggi per le due ruote, motorizzate e non, sono necessari». 

Il progetto è esecutivo e il mutuo a 20 anni concesso. Non rimane che il bando di gara per i lavori. «Sarà ad opera della Stazione unica appaltante che ha tempi piuttosto brevi. Se i lavori saranno appaltati presto, si potrebbe partire anche prima dell’estate. In ogni caso l’opera sarà a cavallo tra questa e la nuova amministrazione, visto che si vota tra la fine maggio e inizio giugno».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA