Raccolta rifiuti, domani si parte con l’Impregico: per i servizi di igiene urbana si apre un nuovo capitolo

Domenica 2 Gennaio 2022 di Pierpaolo Pierleoni
Raccolta rifiuti, domani si parte con l Impregico: per i servizi di igiene urbana si apre un nuovo capitolo

SANT’ELPIDIO A MARE  - Da domani si apre un nuovo capitolo nei servizi di igiene urbana a Sant’Elpidio a Mare. Parte la Impregico Srl come nuovo soggetto appaltatore, che si occuperà principalmente di raccolta porta a porta, ma anche di spazzamento strade ed altri servizi collaterali. Non cambia nulla per il momento per la cittadinanza, dato che rimane attivo il solito calendario, con gli stessi giorni di conferimento dei rifiuti.

 
«Potrebbero esserci delle variazioni solamente in relazione all’orario di raccolta» fa sapere il sindaco elpidiense Alessio Terrenzi. Stesse modalità anche per quanto riguarda la raccolta degli ingombranti, che verrà ancora effettuata il sabato mattina su prenotazioni, a partire dall’8 gennaio. La prenotazione va effettuata al numero verde 800195314. Rimarranno chiusi i due centri raccolta comunali in via Volta alla zona industriale Brancadoro e in via Isonzo al capoluogo per tutta la prossima settimana, poi torneranno regolarmente operativi.

Rimangono gli stessi anche i bidoni attualmente in uso per il conferimento dei rifiuti. In prospettiva arriveranno alcune variazioni al calendario di raccolta e delle novità per la pesatura dell’immondizia conferita, come previsto nel progetto su cui il Comune ha strutturato il bando di gara. Resta da vedere cosa accadrà il 12 gennaio, quando il Tar dovrà pronunciarsi sul doppio ricorso, presentato dalle aziende arrivate seconda e terza in graduatoria. Un verdetto che potrebbe anche sancire un clamoroso ribaltamento, a pochi giorni dall’avvio del servizio. Intanto, però, il nuovo gestore è pronto a partire. Impregico ha sede a Taranto e finora gestisce la raccolta rifiuti in diversi comuni pugliesi ed uno in Sicilia. Sant’Elpidio a Mare è la prima cittadina delle Marche e del centro Italia in cui opererà l’azienda. L’appalto avrà una durata quinquennale, per un canone complessivo che sfiora gli 8 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA