Fermo, legami con lo spaccio: scatta
la tolleranza zero per le prostitute

Giovedì 1 Agosto 2019 di Sonia Amaolo

FERMO - Controlli h 24 di polizia e carabinieri lungo la costa tra Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio, con particolare riguardo per la fascia sud della riviera elpidiense e la fascia nord del lungomare fermano. E’ lotta senza quartiere alla prostituzione in strada e in appartamento.

Lotta alla prostituzione: primo Daspo urbano per una lucciola

Pattuglie della questura e dell’Arma per scoraggiare il fenomeno del sesso a pagamento che ha il suo zoccolo duro in riviera, tra statale e vie traverse. La pubblicità delle ragazze circola online ma in questo periodo c’è la tendenza a mostrare la merce in vendita, le temperature amiche agevolano e non è difficile imbattersi in signorine seminude sotto casa. Tutto il territorio da Pedaso al confine con Civitanova è diviso per fasce e gruppi di ragazze di Paesi diversi. Dove sono le romene non arrivano le italiane, dove sono le nigeriane non arrivano le cinesi e via di questo passo fino a toccare quasi tutte le nazionalità. Contro le belle di notte in questi giorni è tolleranza zero perché ad abbassare la guardia si rischia la recrudescenza del fenomeno. Con la prostituzione il reato non c’è, se non è sfruttamento e lo si fa per scelta, ma oramai è chiaro alle divise che al sesso si collega lo spaccio di stupefacenti, in particolare di cocaina.
 
Le belle di notte sono come pedine al centro del divertimento e dello sballo. Piazzate fuori dalle discoteche, vicino ai ristoranti possono trattare il prezzo con il cliente ma anche spacciare. Ma negli ultimi mesi sono diventate troppo tracciabili. La collaborazione tra spacciatori e ragazze di vita dell’Est Europa, del Nord e del Centro Africa è sempre viva. Le lucciole oramai sono le migliori alleate dei trafficanti e sono i migliori galoppini. Nascondono nelle borse, nelle scarpe o nel reggiseno le dosi da vendere, prendono provvigioni, fanno affari.
La strategia
Per le forze dell’ordine avere il controllo sulle ragazze di strada significa anche tenere a bada la circolazione di polvere bianca. Significa monitorare la nuova frontiera dello smercio di coca che si nutre del lavoro conto terzi delle lucciole sempre più esperte di stupefacenti, consumatrici esse stesse, utili al popolo della notte. Donne marcate strette da agenti in borghese fanno sempre più fatica ad aggirare i controlli .

© RIPRODUZIONE RISERVATA