Revenge porn, carcere fino a 6 anni
e multe di 15mila euro: sì all'unanimità

Revenge porn, carcere fino a 6 anni e multe di 15mila euro: sì all'unanimità
2 Minuti di Lettura
Martedì 2 Aprile 2019, 16:20 - Ultimo aggiornamento: 17:39

Legge codice rosso, carcere per il revenge porn: la Camera ha approvato all'unanimità, con 461 voti, l'emendamento al disegno di legge 'codice rosso' che introduce il reato di revenge porn. Il testo approvato dalla Camera prevede che chiunque invii, consegni, ceda, pubblichi o diffonda immagini o video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate, è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5000 a 15000 euro. La stessa pena si applica a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o il video li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento.

La pena è aumentata se i fatti sono commessi del coniuge, anche separato o divorziato, o da una persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se i fatti sono commessi attraverso strumenti informatici o telematici. La pena viene poi aumentata da un terzo alla metà se i fatti sono commessi in danno di persona in condizione di inferiorità fisica o psichica o in danno di una donna in stato di gravidanza. Il delitto viene punito a querela della persona offesa. Il termine per la proposizione della querela e di sei mesi. La remissione della querela può essere soltanto processuale. «È una vittoria delle opposizioni», esulta Laura Boldrini, mentre Federica Zanella di Fi puntualizza il testo riprende quello a sua firma «aggiungendo il reato di divulgazione e l'aumento di pena per le condotte realizzate ai danni di disabili. Alla ripresa dei lavori verrà presentato un nuovo emendamento della commissione, condiviso da tutte le forze politiche, da parte della relatrice del provvedimento Stefania Ascari del Movimento 5 stelle.

 



Di Maio: «Ora norme complessive su revenge porn». «Bene l'emendamento unitario sul reverge porn. Ora portiamo subito in Aula la legge della senatrice Elvira Evangelista per regolamentare la materia nel suo insieme. Lo dobbiamo alle vittime e alle loro famiglie». Lo scrive su Twitter il leader M5S, Luigi Di Maio

© RIPRODUZIONE RISERVATA