Elicotteri sul tetto, Bretella più vicina ma stessa sede per il Madonna del Scoccorso. Il nuovo comitato cerca adesioni

Venerdì 30 Aprile 2021 di Laura Ripani
Il presidente del Comitato Piunti

SAN BENEDETTO - Un ospedale di primo  livello ma che resti nell’attuale sede tra via Manara e la Statale Adriatica dotato di una piattaforma per far atterrare gli elicotteri. 

LEGGI ANCHE

Coppa Italia, via libera del governo: la finale si giocherà davanti al pubblico al 20 % della capienza

Nuovo digitale terrestre a partire da settembre: 30 milioni di televisori dovranno essere sostituiti

 
Gli obiettivi
Nasce con lo scopo di puntare alla ristrutturazione del Madonna del Soccorso un nuovo comitato cittadino che ha affidato a illustri personalità lo studio di un progetto capace di far risparmiare denaro all’ente pubblico e fornire infrastrutture non solo all’ospedale ma a tutta la città. Il progetto poggia su due pilastri: la ristrutturazione dell’attuale struttura e la realizzazione della bretella collinare con svincoli anche dell’A14.

«Vogliamo attivarci - spiega il presidente del comitato Luigi Piunti - per mantenere il Madonna del Soccorso tramite la ristrutturazione e/o risanamento edilizio, con eventuali abbattimenti e nuove edificazioni di palazzine all’interno della struttura adeguate alle norme sanitarie edilizie, sismiche e energetiche. Intendiamo per questo avvalerci dell’opera di professionisti esterni, per redigere i progetti».

Il gruppo, formato anche da Francesco Pezzoli, Antonio Romano e Alberto De Angelis in questa fase intende organizzare convegni e conferenze per coinvolgere i cittadini per poi portare i risultati sui tavoli politici. «Intendiamo attivarci - aggiunge il presidente - per sensibilizzare agli enti preposti, una nuova uscita dell’autostrada A14 di facile accesso all’ospedale nel territorio di San Benedetto nei pressi dell’incompiuta “bretella collinare” e chiedere il prolungamento della stessa bretella collinare dalla zona di Santa Lucia fino all’incrocio di via Manara, come da progetto che proporremo. Al fine di ottenere una migliore viabilità a servizio dell’ospedale e alle industrie nelle zone artigianali e industriali di Valle del Forno e Ponterotto e quelle di Acquaviva Picena».


La viabilità
Tra le intenzioni anche decongestionare il traffico sulla statale 16 e il centro della città migliorando la viabilità dal sud, al nord arrivando un prolungamento nella zona di San Filippo Neri. Questo anche a favorire gli accessi alle attività portuali. Un progetto indubbiamente ambizioso per realizzare il quale saranno coinvolte le associazioni di categoria: industriali, artigianali, ed altre, nonché di raccogliere fondi per favorire la realizzazione del progetto delle opere, delle strutture, che sono indispensabili. La partecipazione al comitato potrà avvenire sia mediante iscrizione con versamento della quota associativa annuale fissata per il 2021 a 20 euro, sia semplicemente sottoscrivendo il progetto. Chiunque può aderire.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA