Nuovo hub vaccinale in via Vittorio Veneto, mentre l’Hospice va verso la chiusura: non accoglie più pazienti per carenza di personale

Un hub Covid
Un hub Covid
di Alessandra Clementi
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Luglio 2022, 02:00 - Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 08:37

SAN BENEDETTO  - La campagna vaccinale autunnale si terrà anche in via Vittorio Veneto presso l’edificio di Di Serafino di cui il Comune possiede la proprietà del primo piano. Dietro richiesta avanzata dall’Area vasta 5 l’amministrazione ha risposto mettendo a disposizione questo locale attraverso una delibera approvata nel corso dell’ultima giunta.

Il nodo personale

Intanto al Madonna del Soccorso aumentano le difficoltà con l’Hospice che da ieri ha bloccato i ricoveri e il Pronto soccorso sempre più in affanno per smistare la mole di lavoro. E proprio nel fine settimana è atteso in città il governatore Francesco Acquaroli per il sopralluogo alle aree indicate per la realizzazione del nuovo ospedale. Lo scorso 12 luglio il direttore dell’Area Vasta 5 Massimo Esposito aveva presentato all’amministrazione comunale una richiesta per poter utilizzare un locale comunale per tre mesi rinnovabili, quale supporto per effettuare le vaccinazioni, visto il rapido aumento dei casi Covid a livello locale.

I locali

Da qui la messa a disposizione da parte del Comune del primo piano dell’edificio di via Veneto, una traversa di via Pizzi, a ridosso della chiesa della Madonna della Marina, visto che l’immobile risulta appartenente al patrimonio comunale e attualmente non viene utilizzato. L’obiettivo dell’Asur è quello di mettere a disposizione dei cittadini più punti vaccinali dove rivolgersi per le nuove vaccinazioni anti Covid in vista della campagna autunnale in fase di predisposizione così il locale, attualmente non utilizzato per fini istituzionali può essere concesso a titolo di comodato gratuito per il periodo richiesto. Le spese relative alla gestione e la manutenzione ordinaria sono a carico del comodatario, mentre le utenze verranno rimborsate in base agli effettivi consumi. I locali della palazzina di via Veneto in passato erano stati presi in considerazione per ospitare la sede della Polizia municipale era infatti una delle ipotesi al vaglio fino a quando si è sbloccato il cantiere dell’ex Sipa poi rilevato dalla Fiorilli e che presto assegnerà ai vigili la loro nuova sede. Un locale, quello di via Veneto, nato dal Progetto casa comunale che ha visto realizzare la palazzina mentre l’ente si è tenuto il primo piano. Intanto i contagi tornano a salire e ieri si registravano 1.094 positivi nella città di San Benedetto e 1.330 persone si trovano in quarantena.

La chiusura

Al Madonna del Soccorso, intanto, si sta assistendo alla chiusura dell’Hospice per mancanza di personale a partire dai medici, reparto inaugurato solo tre anni fa e che già non riesce più a rimanere aperto ed essere da supporto alla Medicina e all’Oncologia. Ieri mattina sono stati respinti due ricoveri provenienti dal Mazzoni e tutti i reparti del nosocomio sambenedettese sono stati allertati per non indirizzare più pazienti presso l’Hospice. Una situazione di grande difficoltà annunciata da settimane e sfociata in tutta la sua gravità e sempre legata alla carenza di personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA