Ascoli, il primo dimesso torna casa in isolamento, ma mancano i kit e i tamponi frenano

Martedì 31 Marzo 2020
Ascoli, il primo dimesso torna casa in isolamento, ma mancano i kit e i tamponi frenano

ASCOLI - Primo paziente dimesso, nella giornta di ieri, dal reparto di terapia subintensiva dell’ospedale Madonna del Soccorso di San Benedetto. Si tratta del primo paziente ascolano risultato positivo al Covid-19 e trasferito, dopo l’aggravarsi delle sue condizioni fisiche, prima al reparto di Rianimazione e, poi, a quello della terapia subintensiva. Il paziente, guarito dal Coronavirus, è stato dimesso presso la propria abitazione in isolamento domiciliare. Un ruolo importante in questa guarigione è stato svolto proprio dal reparto di terapia subintensiva, formato dalle UOC di Pneumologia e Cardiologia di S. Benedetto. 

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, salgono i tamponi effettuati (745) e scendono i positivi: 141 contagiati nelle Marche, ora sono 3.825/ I dati italiani tempo reale

Coronavirus, il picco di contagi nelle Marche previsto per la seconda metà di aprile

Intanto, sul fronte sanitario, c’è stato un rallentamento negli esami del tampone, per la mancanza di reagenti. Tutto nasce dal fatto che la Roche, che riforniva i kit per il processo dei tamponi, ha rallentato al momento la sua produzione in Italia, con il risultato che i tamponi, da oggi, verranno effettuati solo alle persone sintomatiche. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA