Accoltellato per un apprezzamento a una ragazza dopo una rissa tra dieci giovani. È in terapia intensiva

La polizia di Ascoli sta indagando sull'aggressione di venerdì sera
La polizia di Ascoli sta indagando sull'aggressione di venerdì sera
di Luigi Miozzi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Dicembre 2020, 03:45

ASCOLI - ASCOLI È ricoverato in prognosi riservata nel reparto di chirurgia dell’ospedale Mazzoni il ventenne ascolano che sabato sera è stato a ferito con due coltellate.

LEGGI ANCHE

Natale Dpcm, a tavola non passarsi i piatti e niente buffet: le regole per il cenone

Variante virus, Speranza: «Il rischio che arrivi in Italia c'è. Verifiche in corso». Stop voli dal Regno Unito e obbligo tamponi: firmata ordinanza

Il giovane, nelle scorse ore, è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per l’asportazione della milza e il suo quadro clinico resta grave. Su quanto accaduto sta ora indagando la squadra mobile di Ascoli che sta cercando di ricostruire nei dettagli la vicenda. 

La rissa
Sarebbero una decina, tutti tra i 18 e i 20 anni, c he sarebbero coinvolti e, dagli elementi che si stanno raccogliendo in queste ore, gli investigatori stanno cercando di capire se si sia tratta si un’aggressione oppure di una vera e propria rissa. Di certo si sa che i motivi che hanno indotto i giovani a comportamenti violenti siano davvero futili. A far scoccare la scintilla, poco dopo le 20, sarebbe stata una spallata che due giovani si sarebbero dati mentre si incrociavano per strada e qualche parola poco garbata nei confronti di due ragazze che stavano insieme con alcuni coetanei. Ne è nata una lite tra corso Mazzini e via Sacconi, nei pressi della Fontana dei cani, che in pochi minuti è degenerata e uno dei ragazzi è stato malmenato. A quel punto, sarebbe scattata la rappresaglia dei suoi amici che hanno inseguito gli altri ragazzi fino all’altezza di piazza Arringo dove i contendenti si sarebbe affrontati nuovamente.


Il parapiglia
Dopo pochi minuti di parapiglia, si sono dileguati e tutti hanno fatte perdere le tracce. Anche il ventenne ascolano che è tornato da solo a casa alla Piazzarola credendo che le ferite che aveva riportato fossero superficiali. Solo successivamente, i suoi genitori si sono resi conto della gravità della sue condizioni ed hanno richiesto l’intervento del 118. Trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Mazzoni, gli accertamenti diagnostici a cui il giovane è stato sottoposto, hanno rivelato una lesione profonda alla milza tanto da rendersi necessario l’intervento chirurgico. Gli agenti della squadra mobile hanno raccolto le testimonianze e stanno svolgendo un lavoro puntuale e attento per cercare di ricostruire nei particolari quanto avvenuto. Sono stati acquisite anche le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza e quelle degli impianti di sicurezza presenti nelle vicinanze dei luoghi dove si sono verificati i fatti che potrebbero rivelarsi decisive ai fini dell’indagine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA