Turista derubato mentre fa il bagno
«Non denuncio, è una perdita di tempo»

Turista derubato mentre
fa il bagno: «Non denuncio
è una perdita di tempo»
SENIGALLIA -  Ladri scatenati in spiaggia domenica pomeriggio davanti al lungomare Alighieri. Tre i colpi messi a segno. «Mi hanno rubato 130 euro - racconta Matteo Bruni, turista di Biella -, ero andato a fare il bagno e li avevo messi nel portafoglio che si trovava dentro un marsupio, riposto a sua volta in uno zaino che avevo nascosto sotto l’asciugamano. Hanno preso solo i soldi lasciando il resto. La spiaggia libera era piena ma nessuno ha visto niente».

«Sicuramente mi tenevano d’occhio e devono aver visto tutti i movimenti - racconta - però è inaccettabile che un turista non possa nemmeno allontanarsi per fare il bagno con il rischio di venire derubato. Secondo me, a parte controlli necessari anche in spiaggia, sarebbe opportuno che il Comune allestisse nella spiaggia libera delle cassettine o armadietti da chiudere a chiave o con un lucchetto, così da permettere di custodire gli effetti personali per andare a fare il bagno o una passeggiata».

Il problema si è presentato anche negli stabilimenti balneari. «Domenica verso 16.30 è stato rubato uno zaino marrone presso i Bagni 99 – racconta un’altra vittima, una signora di Jesi residente a Castelplanio, in un post pubblicato sulla pagina Facebook “Furti e segnalazioni Senigallia” - con dentro due portafogli, due telefoni, occhiali da sole e chiavi auto Fiat. Se lo vedete in giro abbandonato vi prego di contattarmi». Un altro post l’ha messo direttamente l’amministratore dopo aver ricevuto una segnalazione.

«Domenica dalle 12 alle 13 circa, sul lungomare Alighieri, presso i bagni Piccolo Lido 67/68 – riferisce Francesco Albani - è stato rubato uno zaino nero. Conteneva portafogli, cellulare, occhiali da sole Rayban e chiavi della macchina Audi. Sarebbe importante, se qualcuno lo nota in giro abbandonato, ritrovare almeno lo zaino con le chiavi dell’auto». Una domenica nera, da dimenticare per i bagnanti che sono stanchi di non potersi godere in relax la vacanza al mare, dovendo sempre guardarsi intorno. Alcuni si sono rivolti alla polizia locale, sperando che almeno le chiavi e altri effetti di poco valore fossero stati abbandonati e portati al Comando. Non il turista di Biella perché difficilmente potrà ritrovare le sue 130 euro. «Non ho fatto nemmeno denuncia – racconta il turista che ha contattato la nostra redazione – tanto sarebbe stato tempo perso».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Agosto 2019, 07:25 - Ultimo aggiornamento: 13-08-2019 07:25

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO