Narcotizzati il cane e due gatti: villetta svaligiata in mezz’ora. I ladri scappano con gioielli e contanti

Mercoledì 27 Ottobre 2021 di Sabrina Marinelli
Narcotizzati il cane e due gatti: villetta svaligiata in mezz ora. I ladri scappano con gioielli e contanti

SENIGALLIA  - Colpo lampo in una villetta a Sant’Angelo lunedì sera dove i ladri in mezz’ora hanno narcotizzato un cane e due gatti e fatto razzie. Ingente il bottino tra svariati gioielli e denaro contante, ancora da quantificare. È accaduto tra le 20.30 e le 21 in via Borgo Marzi, nel cuore della frazione.

 

«La cosa più terribile è stato vedere come avevano ridotto il cane – racconta una delle vittime che vive insieme al resto della famiglia nella villetta presa di mira – lo teniamo dentro casa perché abbiamo paura che in giardino possa capitargli qualcosa e invece è stato drogato proprio all’interno dove lo immaginavamo al sicuro. Era quasi morto, lo chiamavo e non si muoveva per niente. Ho subito chiamato il veterinario. E’ stata la mia prima preoccupazione». 


Il cane, un setter, sta meglio anche se ancora non è tornato perfettamente in forma ma comunque se la caverà. Il veterinario ha confermato che sia stato narcotizzato. Lo stesso è accaduto ai due gatti. «Loro nemmeno riuscivamo a trovarli – prosegue – non escono mai di casa e in un primo momento temevamo li avessero presi invece si erano nascosti e non si sono mossi finchè non li abbiamo trovati. Anche loro erano molto intontiti. I ladri per entrare hanno rotto una portafinestra. Dentro era un disastro, sto ancora sanificando. Hanno preso soldi e gioielli, ma non sappiamo che valore dare, erano i ricordi di una vita, gioielli regalati alla comunione, alla cresima e molto altro ancora». I ladri forse li stavano spiando perché la famiglia è uscita alle 20.30 per fare rientro alle 21.

I vicini hanno notato una ragazza che indossava dei leggings marroni scappare nell’orto dove poi i proprietari hanno trovato la recinzione danneggiata. E’ fuggita a bordo di una Bmw di colore bianco. Sul posto è arrivata una volante del Commissariato per fare un sopralluogo e ieri mattina è tornata per verificare se vi fossero delle telecamere nelle abitazioni limitrofe. Nella modalità sembra un colpo molto simile a quelli finora avvenuti a Trecastelli e Castelleone di Suasa. 


Una ragazza molto simile a quella fuggita da Sant’Angelo lunedì mattina è stata vista alla Cesanella. Indossava sempre i leggins marroni. Ha provato ad entrare a casa di una coppia di anziani suonando il campanello, pronunciando il nome dei figli e sapeva anche dove lavoravano. Non l’hanno fatta entrare i proprietari e hanno avvisato i carabinieri. L’episodio di Sant’Angelo resta l’unico andato a buon fine. Truffe agli anziani non si verificano da parecchie settimane, come confermano polizia e carabinieri, che non sono intervenuti nemmeno per altri furti in abitazione o tentativi. Il precedente è stato quello messo a segno sabato sera a Monterado di Trecastelli nello stesso orario.

 

Ultimo aggiornamento: 28 Ottobre, 09:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA