Senigallia, maxi furto da Barzetti: trovate
alcune bottiglie, denunciato un barista

Domenica 15 Settembre 2019 di Sabrina Marinelli

SENIGALLIA - Denunciato per ricettazione il titolare di un bar, trovato in possesso di una parte della refurtiva trafugata nel deposito di Barzetti ad agosto. Ieri mattina i carabinieri hanno infatti rinvenuto 600 bottiglie in un garage di Marotta in uso all’esercente che ha un’attività nella zona. Finché le indagini sono in corso hanno preferito non renderlo individuabile. Adesso è caccia ai suoi “clienti”. I militari ritengono infatti che parte delle bottiglie mancanti possa averle utilizzate nel suo bar e in parte potrebbe averle anche vendute. Quelle rinvenute ieri mattina nel garage costituiscono infatti solo un quarto dell’intera refurtiva. 

I carabinieri stanno inoltre accertando se il 52enne sia anche un cliente di Barzetti. Ciò spiegherebbe come avesse fatto a scoprire una porta in disuso, l’unica non allarmata della rivendita. Utilizzata dai banditi per mettere a segno il colpo indisturbati senza che scattasse il dispositivo antintrusione. I carabinieri della Compagnia di Senigallia, coordinati dal tenente colonnello Cleto Bucci, sono riusciti a risalire all’esercente grazie anche alla collaborazione dei colleghi della Stazione di Marotta. A condurli sulle sue tracce una “soffiata” che si è rivelata affidabile. I militari hanno avviato subito delle indagini dopo l’ingente furto consumato nel deposito di bevande di via Carracci alla Cesanella. Il proprietario, appena accortosi, aveva chiamato subito i carabinieri che sul posto avevano effettuato un sopralluogo. 
 
Il bottino, stimato in circa 60.000 euro, riguardava numerosi bancali di liquori, rhum e spumanti pregiati di varie marche. Ieri mattina, dopo svariate ore di appostamento, i militari hanno bloccato il 52enne, utilizzatore del garage individuato, nel momento in cui è arrivato sul posto. L’uomo, colto di sorpresa, inizialmente ha tentato di sviare le indagini, riferendo di essere il proprietario di altri due box attigui a quello di loro interesse che invece era in uso a due giovani che in quel momento si trovavano fuori regione. 
Dopo varie insistenze l’uomo ha ceduto ed ha consegnato le chiavi del garage, al cui interno i militari hanno rinvenuto 100 colli contenenti 6 bottiglie ciascuno di liquori e spumanti, costituenti parte della refurtiva proveniente dal furto al deposito Barzetti. La refurtiva recuperata ha un valore, secondo il prezzo di acquisito praticato al grossista, di oltre 15.000 euro. I numerosi colli sono stati sottoposti a sequestro, su disposizione della Procura della Repubblica di Pesaro, e sono stati affidati in custodia giudiziale al responsabile legale del deposito in attesa del compimento dell’iter investigativo. Grazie alle fatture fornite dalla vittima e ai codici inseriti nelle scatole, hanno avuto conferma che si trattasse proprio di quelli rubati nella rivendita della Cesanella. 
Il 52enne è stato denunciato per ricettazione mentre le indagini proseguono per individuare eventuali persone che abbiano acquistato i liquori dal ricettatore. Oltre al furto subito erano stati ingenti i danni riportati, soprattutto per le scorte finite a ridosso di Ferragosto con le aziende produttrici chiuse per le ferie. il deposito della Cesanella rappresenta infatti il principale rifornimento per bar e ristoranti della zona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA