Un altro raid vandalico: sassate contro i vetri del palasport e bidoni dei rifiuti rovesciati a terra

Un altro raid vandalico: sassate contro i vetri del palasport e bidoni dei rifiuti rovesciati a terra
Un altro raid vandalico: sassate contro i vetri del palasport e bidoni dei rifiuti rovesciati a terra
di Sabrina Marinelli
4 Minuti di Lettura
Domenica 20 Febbraio 2022, 22:46

MONTEMARCIANO -  Danneggiata con una sassata la vetrata della palestra Marotti a Montemarciano venerdì sera, quando diversi bidoni della spazzatura sono stati rovesciati forse dallo stesso gruppo di ragazzini che si è divertito a suonare i campanelli di svariante abitazioni, svegliando i residenti meno nottambuli. Tutto è successo intorno alle 23. Un residente ha ripreso con il telefono il gruppetto dopo aver suonato i citofoni.

Si tratterebbe di sette ragazzini di Montemarciano, di cui tre sarebbero ben visibili: l’uomo li avrebbe riconosciuti. Il filmato è stato consegnato ai carabinieri che indagano sull’accaduto. È ancora prematuro stabilire se i ragazzini immortalati nel video siano gli stessi che hanno lanciato il sasso contro la vetrata della palestra. Non ci sono, infatti, immagini dell’atto vandalico. 


Quando è accaduto l’episodio una squadra del Montemarciano basket aveva appena finito di allenarsi. Mentre i ragazzi erano negli spogliatoi con l’allenatore, verso le 23, hanno sentito un forte rumore e sono andati a vedere. Avrebbero visto dei ragazzini scappare. A darne notizia è stato ieri Samuele Simoncioni, presidente dell’Upr che con un post su Facebook ha voluto denunciare l’accaduto. «Un’escalation di atti vandalici, di danneggiamenti alla cosa pubblica senza eguali - il suo sfogo. - Il tutto è diventato inaccettabile. È un problema sociale grave, non si tratta più di semplici bravate». Simoncioni, che dedica molto del suo tempo ai giovani attraverso lo sport, è deluso da questi continui episodi. 


«Le famiglie allo sbando - dice - la totale assenza della certezza della pena quando si è “beccati sul fatto” e la mancanza di controlli hanno portato a ciò. Ci sono le baby gang e non accade lontano, ma sotto casa nostra. Sono deluso, amareggiato, perché il degrado in cui sta finendo il nostro paese è sotto gli occhi di tutti».


L’Amministrazione sta attivando le telecamere nella speranza che possano essere utili. «Abbiamo iniziato a installare le prime - spiega Damiano Bartozzi, sindaco di Montemarciano - tuttavia non credo che con queste risolveremo al 100% il problema del bullismo e degli atti vandalici. Sicuramente saranno un deterrente, visto che le palestre sono il bersaglio preferito e lì, forse, piazzandole riusciremo a salvaguardare le strutture. Il vero problema - prosegue il sindaco - sta nel fatto che non siamo più capaci di trasmettere dei valori di convivenza civile alle nuove generazioni. Personalmente sono favorevole più all’educazione che alla punizione». 


Maurizio Grilli, capogruppo di Progetto Montemarciano, lista di opposizione, aggiunge: «Se da un lato ci sono genitori, che sembrano aver abdicato al loro ruolo, dall’altro è ormai chiaro che le istituzioni devono cercare in tutti i modi di fare un salto di qualità nel cercare situazioni di disagio e fare in modo che nessuno si sottragga all’offerta di aiuto. Servono risorse maggiori per il controllo attivo e passivo, fare sinergia con la scuola e le associazioni del territorio. Stanno emergendo problematiche importanti sul piano dell’educazione». Nella notte tra lunedì e martedì altre vetrate erano state danneggiate a Marzocca nel vicino Comune di Senigallia. Anche in quel caso tirando dei sassi. Difficile dire se possa essersi trattato delle stesse persone, molti ieri però se lo sono chiesto. A Marzocca un solo ragazzo, molto giovane, è stato ripreso da una telecamera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA