Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ascensore beffa a Loreto, è di nuovo out: fuori servizio a una settimana dalla riapertura

Ascensore beffa a Loreto, è di nuovo out fuori servizio a una settimana dalla riapertura
Ascensore beffa a Loreto, è di nuovo out fuori servizio a una settimana dalla riapertura
di Arianna Carini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Agosto 2022, 02:00

LORETO - Ferragosto senza ascensore a Loreto. L’impianto inclinato progettato per collegare il maxi parcheggio al centro storico, opera strategica per l’intera filiera turistica, è di nuovo fermo.

A una settimana dalla sua riapertura in occasione della Notte Celeste, ponendo fine a un’attesa durata circa tre anni tra lavori straordinari ed iter autorizzativi necessari a ripristinarne il funzionamento, pellegrini e turisti arrivati in città per la festa dell’Assunzione si sono trovati ancora una volta di fronte alle porte serrate. A segnalare il motivo una scritta vergata sul vetro: “fuori servizio”. La chiusura non sarebbe tuttavia imposta da un malfunzionamento dell’impianto, come successo in passato, ma avrebbe carattere preventivo e soprattutto temporaneo, rassicura il sindaco Moreno Pieroni.

Le parole del sindaco

«La ditta che ha effettuato i lavori – spiega più nei dettagli - ha chiesto di sospendere per alcuni giorni il servizio al fine di eseguire un controllo tecnico su una cinghia a distanza di un mese dal collaudo, ma non c’è stato alcun guasto». Parole - cui si sommano le disposizioni contenute nella determina del III Settore Lavori pubblici e Patrimonio, datata 5 agosto, con la quale sono state affidate alla stessa ditta esecutrice anche l’assistenza e la manutenzione sino alla fine dell’anno (6.954 euro Iva inclusa) ed il presidio fisso dell’ascensore per 8 ore la sera dell’inaugurazione (1464 euro Iva inclusa) - che però non convincono l’opposizione consiliare. «Dopo la delibera per la manutenzione programmata assegnata da agosto al 31 dicembre, dopo l’apertura straordinaria per la Notte Celeste l’8 agosto, Prima Loreto insieme a tutta la cittadinanza pensava che ormai si fosse arrivati al giro di boa e invece brutto risveglio per i loretani che si ritrovano con l’ascensore di nuovo chiuso» interviene la consigliera in quota FdI Belinda Raffaeli, sui banchi della minoranza con Guardianelli e il capogruppo Albanesi.

L'interrogazione

Proprio la lista di centrodestra Prima Loreto, nel febbraio 2021, si era fatta promotrice di una interrogazione per conoscere lo stato dell’opera e le spese fino ad allora sostenute sia dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che dal Comune di Loreto «trattandosi in entrambi i casi di fondi provenienti dalla fiscalità dei cittadini». Risposte che attraverso una minuziosa cronistoria era stata l’assessore Principi a fornire alla minoranza, alla ricerca di una maggiore chiarezza sui costi e sulle responsabilità del disservizio ereditato dalla precedente amministrazione, precisando però come non vi fossero margini per un intervento diretto del Comune non essendo l’ente titolare dell’impianto. Un’opera fondamentale ma problematica sin dalla sua progettazione, avvenuta circa dieci anni fa e costata oltre un milione di euro fra spese di realizzazione, successive modifiche e continue manutenzioni, di cui mandante e controllore esecutivo dei lavori è il Provveditorato delle Opere Pubbliche, mentre al Comune compete la manutenzione ordinaria che, dal 2012 al 2019, ha sfiorato i 102 mila euro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA