Folle inseguimento alla supercar: due arrestati e un denunciato, avevano mezz'etto di cocaina

Giovedì 5 Agosto 2021 di Talita Frezzi
Folle inseguimento alla supercar: due arrestati e un denunciato, avevano mezz'etto di cocaina

JESI - Strani movimenti vicino a un bar-ristorante poi dentro un’officina meccanica alla periferia della città in orario serale di chiusura. Un’auto di grossa cilindrata con due uomini a bordo che in zona Zipa si aggira con fare circospetto e ne carica un terzo, poi alla vista della Polizia, sfreccia tentando di seminarla. Al culmine di un rocambolesco inseguimento, in zona Fontedamo, gli agenti del Commissariato di Jesi diretti dal dirigente Mario Sica, hanno bloccato la vettura.

Dai viaggi al tempo libero con il Green pass in tasca, da domani le nuove regole. Ecco dove valgono e dove no. Super multe, quando scattano

 

E’ successo sabato 31 luglio. I tre hanno mostrato un atteggiamento di nervosismo, dalla perquisizione, sotto il tappetino del sedile anteriore del passeggero sono stati rinvenuti alcuni contenitori, uno dei quali pieno di una sostanza polverosa che il successivo Narcotest ha confermato essere cocaina, per un peso netto complessivo di 50 grammi. Sempre all’interno del veicolo, celato sotto un sedile, veniva anche rinvenuto un rotolo di carta alluminio ad uso alimentare ed altri oggetti utilizzati per il taglio e il confezionamento di stupefacenti. Le perquisizioni, estese anche alle residenze, con l’ausilio delle Unità Cinofile della Polizia di Stato, hanno interessato anche l’officina meccanica dove è stata rinvenuta una dose di cocaina (0,70 grammi), oltre a carta alluminio, bicarbonato ed altro materiale riconducibile ad attività di taglio e confezionamento della droga. In arresto un 23enne (D.R.), disoccupato, di Maiolati Spontini e il titolare dell’officina meccanica (F.R., 34 anni) di Jesi. Il terzo (O.W., nigeriano 24enne dimorante a Jesi), è stato segnalato all’autorità giudiziaria in stato di libertà, ma nei suoi confronti la Questura di Ancona valuterà l’espulsione dal territorio nazionale. Per gli altri due, il Gip del Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto. L’operazione prosegue alla ricerca dei destinatari della cocaina e si inquadra nell’ambito dei rafforzati servizi di controllo del territorio suggeriti dal Questore Pallini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA