Fontana, ci sono due piazze da ridisegnare: è una vera e propria corsa contro il tempo per il trasloco

Mercoledì 19 Maggio 2021 di Fabrizio Romagnoli
Fontana, ci sono due piazze da ridisegnare: è una vera e propria corsa contro il tempo per il trasloco

JESI  - Tre, alla scadenza di ieri, le offerte pervenute in Comune per aggiudicarsi l’incarico di progettare le nuove Piazza Federico II e Piazza della Repubblica, alla luce dello spostamento in corso dall’una all’altra della fontana dei leoni. Una volta assegnato l’incarico, lo studio e i professionisti vincitori avranno 45 giorni di tempo per presentare un progetto definitivo da sottoporre a vaglio e approvazione della Soprintendenza, presso la quale si conta di riuscire a far arrivare il tutto nell’arco del mese di luglio.

LEGGI ANCHE:

Piazza Federico II saluta l’obelisco: il centro storico della città cambia volto

 


Una volta giunto il nulla osta della Soprintendenza e re-inviata da questa la progettazione in Comune, i professionisti avranno ulteriori 45 giorni di tempo per definire l’esecutivo sulla base del quale, una volta pronto, avviare la gara d’appalto per affidare i lavori. Il tutto, si spera, per l’inizio dell’autunno prossimo ma molto dipenderà dai tempi d’esame da parte della Soprintendenza. Alla doppia progettazione l’amministrazione ha destinato 245 mila euro.

Ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici Roberto Renzi: «In Piazza Federico II le opere edilizie avranno rilievo minore: oltre alla sistemazione della parte in cui si trovava la fontana, il resto riguarderà installazioni relative alla multimedialità. Per Piazza della Repubblica si prevedono invece maggiori interventi edili: nuova pavimentazione e impianti interrati». Per Piazza della Repubblica, dove procedono i lavori per ricostruire la fontana, non si seguirà più il progetto Sardellini- Marasca che ha ridisegnato Piazza Pergolesi e sta ridisegnando Corso Matteotti ma che non prevedeva la presenza del monumento. 


«Non risulta possibile – ha spiegato la Giunta- affidare la progettazione esecutiva al gruppo vincitore del concorso di idee (risalente al 2005, nda), in quanto si parte da un’idea diversa da quella premiata che non prevede la presenza della fontana». Per Piazza della Repubblica il Piano delle opere 2021 riporta una previsione di spesa di 2,3 milioni per il rifacimento. Intanto si è in attesa di conoscere il pronunciamento del Tar Marche sul merito del ricorso presentato dal Comitato referendario contro la bocciatura della sua richiesta di referendum sullo spostamento della fontana. Il ricorso riguarda il pronunciamento con il quale i Garanti previsti dallo Statuto hanno giudicato inammissibile la proposta di referendum abrogativo degli atti di Giunta e di Consiglio con i quali è stato accettato il lascito ereditario di Morosetti. In Piazza della Repubblica il cantiere intorno alla fontana ricostruita procede. Il testamento di Morosetti impone che il monumento debba essere allacciato all’acquedotto e funzionante entro il prossimo 21 luglio o i 2 milioni di euro del lascito non andranno al Comune ma saranno ripartiti in beneficenza fra Lega del Filo d’Oro, Fondazione “Opera San Francesco per i poveri” e “Pane quotidiano”.


L’appalto è stato assegnato per circa 380 mila euro. Fra spese di progettazione e accessorie, si spenderanno per l’intervento 700 mila euro. Col resto l’amministrazione ha annunciato abbattimento di barriere architettoniche (600 mila euro) e recupero del complesso San Floriano col Teatro Moriconi da riaprire (520 mila). Extra rispetto al lascito i ridisegni delle due piazze e i relativi lavori. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA