L'infermiere dei falsi vaccini racconta al giudice: «Io sono solo un anello della catena non certo l'organizzatore del giro». Il mistero dei tanti omissis

Giovedì 13 Gennaio 2022
Emanuele Luchetti

ANCONA - L'infermiere dei vaccini fasulli ha risposto alle domande del giudice. «Ha deciso di rispondere, rendendo dichiarazioni atte a chiarire la propria posizione nella vicenda nella quale è stato coinvolto - afferma l'avvocato difensore di Emanuele Luchetti in carcere per le dosi fake in cambio di soldi a no vax all'hub Paolinelli di Ancona -. E’ sicuramente pentito, si è reso conto dei suoi errori».

Ma Luchetti va oltre, lui era solo un anello del giro scoperto dalla squadra mobile di Ancona grazie a un medico detective che aveva scoperto tutto e ha finto di farsi corrompere per far scattare il blitz della polizia. L'infermiere «ha riferito di aver ceduto alle pressioni ricevute da coloro i quali hanno messo in piedi questo meccanismo, sicuramente spinto dai perduranti personali problemi economici, ma ha anche inteso evidenziare come lui, costretto in custodia cautelare in carcere, sia invece solo un anello della catena, non certo l’organizzatore». E rilancia Luchetti. Afferma l'avvocato Balestra :«E’ dimostrato che quando poi un medico, il dottor Miglietta (che si è prestato in realtà a far scattare l'inchiesta, ndr), si è reso fintamente disponibile gli episodi hanno subito un incremento, in quanto il Luchetti si è sentito appoggiato. Un meccanismo nel quale si è trovato così tanto coinvolto da stravolgere quella che in realtà è la sua personalità. Persino i suoi colleghi di lavoro presso il quale era impiegato il Luchetti hanno affermato alla stampa come il predetto fosse un professionista nel suo campo particolarmente bravo, coraggioso, presente, attento, stimato e amato fortemente dai colleghi, che nei casi più difficili si è sempre rivelato una figura chiave, una risorsa per tutti. Poi il blackout».

LEGGI ANCHE

Il tariffario dei certificati-bluff: «Dall’anno nuovo, 500 euro». Emanuele Luchetti stava per aumentare il prezzo. Attesa per l’interrogatorio

LEGGI ANCHE

Primari, impiegati e professori: tutte le tessere da incastrare nel mosaico dei vaccini fasulli. Caccia ad altri intermediari e clienti dell’infermiere che vendeva Green pass

 

Prime dichiarazioni che aprono un altro scorcio sull'inchiesta dei falsi vaccini per ottenere il green pass. Inchiesta, accelerata dagli eventi, che vede per tanti omissis che potrebbero celare personaggi coperti per ora da omissis su cui le indagini della procura però sono già concentrate. 

Di certo l'inchiesta sembra proprio destinata ad alzare ancora il livello delle persone coinvolte.

Ultimo aggiornamento: 14 Gennaio, 08:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA