Gomma bucata al supermercato, ma è una trappola: il ladro gli ruba il portafogli mentre tenta di ripararla

Martedì 13 Luglio 2021 di Stefano Rispoli
Sulla truffa indagano i carabinieri

FALCONARA - Riecco la truffa della gomma bucata ed è allarme in città. I malfattori sono tornati a colpire con uno dei raggiri più classici: forano lo pneumatico dell’auto presa di mira e aspettano che l’ignaro proprietario se ne accorga e accosti sul ciglio della strada, per poi derubarlo approfittando della sua distrazione. 

 

 
La vittima, stavolta, è un 56enne anconetano che si è visto portar via il marsupio con dentro un centinaio di euro, i bancomat e i documenti personali. Il colpo è stato messo a segno nel weekend nei pressi di un supermercato di via Marconi, dove era andato a fare spesa attorno alle 10 di sabato mattina. Come ha raccontato ai carabinieri in sede di denuncia, aveva lasciato l’auto in uno degli stalli del parcheggio del centro commerciale, vicino ai carrelli. Mezz’ora dopo è uscito con le buste della spesa, è salito in auto ed è ripartito. Ben presto, però, si è accorto che qualcosa non andava: ha sentito un rumore sospetto, si è fermato e ha notato che la gomma anteriore sinistra era squarciata: una trappola. Subito si è messo in cerca di un gommista, ma poiché era troppo lontano, per raggiungerlo in sicurezza ha deciso di gonfiare da solo lo pneumatico con uno strumento a disposizione. Mentre effettuava l’operazione, ha dato un’occhiata all’interno dell’auto e si è reso conto che il marsupio che aveva appoggiato sul sedile passeggero era sparito. Subito il pensiero è andato a un ladro che deve aver approfittato della sua distrazione per aprire lo sportello e portarglielo via, probabilmente lo stesso che poco prima aveva tagliato la gomma dell’auto per preparare il terreno e aspettare il momento giusto per colpire. Nel marsupio c’era un portafogli in cui erano custoditi due bancomat e un centinaio di euro in contanti. Sul furto indagano i carabinieri, che hanno acquisito le immagini del supermercato nella speranza di individuare dettagli preziosi per risalire al malvivente. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA