Travolta sulle strisce, Daniela Volponi era "Toffee", storica fan di Vasco: illeso il cagnolino che era con lei

Daniela Volponi, travolta e uccisa sulle strisce pedonali, con Vasco e il suo cagnolino tanto amato
Daniela Volponi, travolta e uccisa sulle strisce pedonali, con Vasco e il suo cagnolino tanto amato
di Ginaluca Fenucci
3 Minuti di Lettura
Martedì 6 Settembre 2022, 10:25 - Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 17:43

FALCONARA - Daniela Volponi è stata travolta e uccisa sulle strisce pedonali a Falconara, mentre attraversava la strada tendo al guinzaglio il suo cagnolino. Un destino crudele l'ha strappata alla vita a 57 anni. Un destino crudele e assurdo: Daniela stava passando davanti a una Mercedes classe A che si era fermata per farla attraversare quando l'auto è stata tramponata da una Ford Fiesta che la seguiva. Questione di un attimo e la macchina ferma, sobbalzando per l'urto violento, ha travolto Daniela Volponi. Uccidendo sul colpo "Toffee" come era conosciuta da tutti nella sua città natale: era una storica fan di Vasco, dal 1983 non si era persa nemmeno un concerto, tanto che lo stesso artista di Zocca ormai la riconosceva e la salutava. Una tragedia inspiegabile che ha scioccato l'intera comunità di Falconara. L'incidente è avvenuto sulla Flaminia, dopo il sottopasso di Villanova.  Sul posto si sono portati le ambulanze del 118, una squadra dei vigili del fuoco e una pattuglia della Polizia locale di Falconara, ma purtroppo per la donna non c'era più nulla da fare. 

 

“Toffee” aveva assistito al primo concerto di Vasco il 5 agosto 1983 a Calcinelli e recentemente non si era persa l’appuntamento allo stadio del Conero dove era stata intervistata anche dal nostro giornale. «Ormai dopo tanti anni Vasco mi riconosce e mi saluta con affetto – diceva Daniela “Toffee” Volponi - anche se non voglio essere invadente. L’ho rivisto tante volte, l’ultima al Grand Hotel di Rimini 2 anni fa e sono emozionatissima a ritrovarlo ora ad Ancona». Daniela Volponi, però, era anche molto affezionata al suo piccolo cane, che è rimasto illeso nell’incidente di ieri mattina. Erano praticamente inseparabili. E poi la natura, il desiderio di vedere un lungomare verde al posto dei binari della ferrovia a Villanova, il quartiere dove abitava. In un commento di un anno fa postato sui social e che ora appare sinistramente attuale, affermava “chissà se sarò ancora viva quando sarà finalmente sarà realizzato il lungomare con piante ed alberi?”.

Daniela Volponi frequentava assiduamente la palestra Athlon di Falconara dove gli istruttori la ricordano con affetto. «Era sempre dolce e disponibile – dice Simona Guidobaldi – e non era una semplice cliente, dopo tanti anni eravamo diventate amiche e ci raccontavamo dei concerti di Vasco Rossi. Un grande dolore sapere che non potrò più vederla ma serberò nel cuore la sua serenità, la sua sensibilità». Daniela Volponi lavorava all’Istituto Helvetico Sanders di via Palestro ad Ancona e lascia l’anziana mamma che risiede a Torrette ed una sorella che abita fuori regione. La dinamica dell’incidente è ancora al vaglio della polizia locale.  Chi la conosceva bene ha dedicato a “Toffee” i poetici versi di Vasco e della sua canzone “Gli angeli”: dietro non si torna, non si può tornare giù, quando ormai si vola non si può cadere più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA