Rissa tra gang in piazza Cavour, i 20 secondi di follia del vedo inchiodano i bulli: caccia a sei ragazzini

Rissa tra gang in piazza Cavour, i 20 secondi di follia del vedo inchiodano i bulli: caccia a sei ragazzini
Rissa tra gang in piazza Cavour, i 20 secondi di follia del vedo inchiodano i bulli: caccia a sei ragazzini
di Stefano Rispoli
4 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Aprile 2022, 03:25 - Ultimo aggiornamento: 22 Aprile, 08:39

ANCONA - Hanno le ore contate i 6 ragazzi che hanno trasformato piazza Cavour in un ring. Sono stati traditi dal video girato da una passante, una detective per caso che, incappata in quella scena da brividi, si è posizionata in un angolo, nascosta dagli alberi, ha estratto il cellulare dalla tasca e ha ripreso tutto, peraltro in modalità slow motion, a beneficio degli investigatori che hanno potuto analizzare ogni singola immagine.

Violenta rissa fra africani, paura nella notte. I carabinieri li rintracciano e denunciano grazie alle telecamere

 

Venti secondi di follia - tanto dura il filmato - in cui si vedono nitidamente i ragazzi azzuffarsi, tra calci, pugni e spintoni. In un frame si nota anche un coltello che spunta all’improvviso, brandito da uno dei contendenti: per fortuna, in un lampo di lucidità, non l’ha usata contro nessuno, altrimenti chissà che piega avrebbe preso la colluttazione. 

Il cerchio 

I carabinieri stanno stringendo il cerchio attorno a 6 bulli coinvolti nella rissa scoppiata attorno alle 17,30 di martedì. L’attività di identificazione è in pieno svolgimento, ma già a tutti sarebbe stato dato un nome. Secondo le prime indiscrezioni, si tratterebbe per lo più di ragazzi d’origine straniera, tra i 16 e i 18 anni. Italiani di seconda generazione, come si usa dire: giovani dalla pelle scura ma dallo slang anconetano, già presenti nelle banche dati delle forze dell’ordine perché appartenenti alle bande che da mesi scorrazzano in centro, le stesse che dall’estate scorsa seminano danni, furti e paura in città. I 6 baby teppisti verranno tutti denunciati per rissa, non appena le indagini arriveranno alla conclusione. A rischiare più di tutti è il ragazzo che brandiva un coltello: potrebbe essere denunciato per il porto abusivo dell’arma. Nei secondo conclusivi del filmato, girato in diretta dalla donna che, accompagnata da un’amica, si è improvvisata 007, si vedono i ragazzi scappare all’arrivo dei carabinieri in sirena: hanno raggiunto piazza Malatesta, ma poi si sono dileguati. I militari della stazione di Collemarino sono stati supportati dalla polizia nelle ricerche in centro, inizialmente senza fortuna: tuttavia, proprio grazie al video sarà possibile denunciare i bulli in differita. 

I precedenti 

Ci risiamo: piazza Cavour come un ring , nonostante prefettura e questura abbiano potenziato i controlli, con tanto di pattuglie fisse nel weekend a tutela dello struscio. I portici, per loro stessa conformazione, forniscono protezione ai ragazzini terribili: nell’oscurità delle arcate, aggredite dal degrado e dalla sporcizia, il mese scorso un ragazzino è stato preso a pugni e inseguito da un nordafricano fin dentro l’autobus. E sempre qui, nel novembre scorso, una 16enne aveva rimediato un cazzotto in faccia da un minorenne, poi denunciato dalla polizia. Bulli anche al femminile: a gennaio, all’imbocco con corso Mazzini, una studentessa di 16 anni era stata pestata da una coetanea, gelosa del suo ex fidanzatino. L’aveva mandata all’ospedale dopo averla buttata a terra, prendendola per i capelli e rifilandole calci in faccia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA