Ancona, alla faccia dell'ordinanza anti alcol: 4 ubriachi al bar, denunciato rumeno (con bottiglia in mano) che sfidava la polizia

Ancona, alla faccia dell'ordinanza anti alcol: 4 ubriachi al bar, denunciato rumeno (con bottiglia in mano) che sfidava la polizia
Ancona, alla faccia dell'ordinanza anti alcol: 4 ubriachi al bar, denunciato rumeno (con bottiglia in mano) che sfidava la polizia
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 18:11 - Ultimo aggiornamento: 18:13

ANCONA - Corso Carlo Alberto, contestata la violazione amministrativa prevista dal codice penale per l’ubriachezza e l’inosservanza dell’ordinanza del sindaco di Ancona relativa al divieto di consumo di alcolici. Nella mattinata odierna la Sala Operativa della Questura ha inviato le Volanti in Corso Carlo Alberto dove era stata segnalata la presenza di un gruppo di persone, alcune delle quali intente a consumare sostanze alcoliche e fare chiasso. Giunti sul posto, gli uomini delle Volanti hanno notato la presenza di quattro persone vicine ad una panchina intente a chiacchierare. Tre dei quattro si allontanavano immediatamente, senza creare problemi.

La reazione scomposta

Un uomo, invece, in evidente stato di ebbrezza da alcol, con una bottiglia di birra in mano, ha assunto un atteggiamento scocciato ed arrogante nei confronti degli operatori di Polizia. Tra l’altro, a terra vicino all’uomo erano presenti ulteriori tre bottiglie di birra già consumate. Informato dagli agenti circa la vigente ordinanza sindacale in merito al divieto di consumare alcolici, l’uomo, sempre in modo scocciato ed arrogante ha risposto di non essere a conoscenza di alcun divieto, specificando che essendo domenica era sua abitudine bere alcolici. Privo di documenti d’identificazione, l’uomo è stato così accompagnato in Questura per essere sottoposto ai rilievi foto dattiloscopici. Dalle ricerche così compiute si è accertato che si trattava di un cittadino rumeno, residente ad Ancona, con pregiudizi di Polizia per reati contro la persona e il patrimonio. Questa piazzata gli è così costata la violazione amministrativa prevista per l’ubriachezza ai sensi dell’art. 688 C.P., con inosservanza dell’ordinanza del sindaco di Ancona relativa al divieto di consumo di alcolici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA