Continua a circolare con la macchina sequestrata: scoperto e denunciato dai carabinieri

Sabato 11 Gennaio 2020
Continua a circolare con la macchina sequestrata: scoperto e denunciato dai carabinieri

ANCONA - Protagonista un operaio 41 enne di origini peruviane, residente nella cittadina dorica, che ha continuato ad utilizzare illegalmente la propria autovettura nonostante fosse stata sottoposta a sequestro amministrativo dalla polizia municipale di Ancona nel mese di luglio dello scorso anno per mancanza della copertura assicurativa.

La sua autovettura sebbene fosse stata parcheggiata in maniera defilata non è sfuggita al controllo dei carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Ancona che nel corso di un mirato  servizio hanno notato, in via vallemiano, un’autovettura parcheggiata con il lunotto posteriore infranto ed in apparente stato di abbandono.

LEGGI ANCHE:

Pescara, carabiniere si spara nella sede del Noe

Auto del figlio morto senza revisione: «Legalità ma anche umanità: il mezzo non è sequestrato»

Dai preliminari accertamenti il veicolo è risultato privo della prescritta copertura assicurativa e per tale ragione nell’immediatezza è stato rimosso dalla strada e affidato in custodia alla ditta autorizzata dalla Prefettura di Ancona. I successivi adempimenti effettuati a carico dell’intestatario hanno consentito di acclarare che il veicolo a luglio del 2019 era stato già sequestrato e affidato all’operaio peruviano che invece di custodirlo in via macerata, ha continuato a utilizzarlo “senza assicurazione” percorrendo circa 1000 km.

Nel frattempo la Prefettura di Ancona, a dicembre del 2019, ha sottoposto a confisca il veicolo per l’acquisizione all’erario con obbligo verso il proprietario e custode di trasferirlo nella disponibilita’ del custode acquirente nei termini di legge (gg.30), obbligo mai ottemperato poiche’ il veicolo dall’atto dell’affidamento in custodia oltre a circolare illegalmente è stato anche deteriorato.

Per tale motivo il peruviano 41 enne è stato deferito alla Procura della Repubblica di Ancona per appropriazione indebita, sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro e violazioni colpose di doveri inerenti alla custodia di cose sottoposte a sequestro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA