Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Filippo Nardi: «Ho sconfitto il coronavirus, ma sono rimasto senza lavoro»

Filippo Nardi (Instagram)
Filippo Nardi (Instagram)
3 Minuti di Lettura
Giovedì 4 Giugno 2020, 16:26 - Ultimo aggiornamento: 17:21

Filippo Nardi è riuscito a sconfiggere il coronavirus ma ora si trova in difficoltà economiche. Lavorando nel mondo dello spettacolo, come molti colleghi, ha visto tutti gli impegni cancellati e, nonostante la richiesta, non ha ricevuto aiuto dallo stato.

LEGGI ANCHE: Filippo Magnini e Giorgia Palmas incinta, si allarga la famiglia: trasferimento nella nuova casa



LEGGI ANCHE: Belen Rodriguez e Stefano De Martino si separano: i motivi dell’addio fra gelosia e guerra fra famiglie

Se fisicamente va bene, la sua categoria arranca: “Tutti pensano che noi navighiamo nell’oro – ha spiegato in un’intervista a “Nuovo” – ma non è così. Ho fatto richiesta per il bonus da 600 euro per le partite iva, ma non è arrivato nulla. Avrei preso volentieri quei soldi perché in questo momento mi sono stati cancellati tutti i lavori e le mie entrate sono a zero”
Ha vagliato altre alternative: “Cercare lavoro a Milano, magari come corriere oppure nei supermercati: ma non ci sono possibilità. Salute a parte, il disastro vero comincia adeso ci sarà chi morirà di fame e non di coronavirus e purtroppo l’agonia sarà più lenta”.



LEGGI ANCHE: Il principe Carlo e il Covid, parla per la prima volta della sua malattia: «Sono stato fortunato»

L'ex gieffino e naufrago sull'Isola dei Famosi ha sconfitto il virus, ma le sue apparizioni televisive gli hanno creato qualche problema: “Ho messo su due o tre chili, perché ero sottopeso e avevo il tipico aspetto da malato. Sono grato alla mia amica Barbara d'Urso: mi ha dato l'opportunità di raccontare la mia disavventura nel suo show Live - Non è la d'Urso e molte persone mi hanno scritto che la mia testimonianza è stata loro di aiuto. Dopo avermi visto in tivù, però, nel negozio di sigarette elettroniche ·davanti a casa non mi vogliono più far entrare: dicono che non sanno se sono ancora infetto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA