Vuole farla finita coi farmaci, l'ex marito lancia l'allarme; trovata e salvata dai carabinieri quando era già priva di sensi

Vuole farla finita coi farmaci, l'ex marito lancia l'allarme; trovata e salvata dai carabinieri quando era già priva di sensi
Vuole farla finita coi farmaci, l'ex marito lancia l'allarme; trovata e salvata dai carabinieri quando era già priva di sensi
2 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 17:56

PESARO - Sarebbero bastati dieci minuti in più per oltrepassare il punto di non ritorno. I carabinieri sono stati impegnati nella notte scorsa nelle ricerche di una donna di 46 anni che aveva minacciato il suicidio. Ad avvertire i militari è stato l'ex marito, dopo aver trovato un biglietto in cui lei annunciava le sue intenzioni. È scattata una febbrile ricerca, cul,inata fortunatamente al porto, dove la donna è stata trovata, già priva di sensi, nella sua auto.

Ordinazioni su Whatsapp e poi il ritiro: sgominato il "take away" della cocaina, 23enne arrestato

 

Intorno alle 23 i militari hanno ricevuto la chiamata d’allarme da parte dell’ex marito. L’uomo doveva riportare il figlio dalla madre, ma una volta arrivato a casa non l’ha trovata, ha trovato un biglietto molto chiaro in cui la donna salutava per l’ultima volta tutti e annunciava il suo gesto estremo. La sua auto non c’era. I carabinieri hanno inserito la targa della sua macchina per cercare, tramite le telecamere TargaSystem, un eventuale suo passaggio nelle zone di uscita della città. Ma non è stato rilevato alcun movimento. Poi hanno puntato sul cellulare, ma era spento. Così le ricerche si sono allargate alla zona mare, Baia Flaminia e porto, alle pendici del San Bartolo, dove il cellulare era stato agganciato l’ultima volta. E proprio in via Calata Caio Duilio la donna è stata trovata incosciente nella sua auto intorno alle 1,30 di notte. Immediata la chiamata al 118 che senza perdere tempo ha portato la signora in ospedale. Aveva una intossicazione dovuta all’assunzione di una trentina di pasticche di psicofarmaci. Una dose potenzialmente letale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA