Prende fuoco un condizionatore, paura per l'incendio nel reparto di Malattie infettive

Mercoledì 25 Agosto 2021 di Lorenzo Furlani
Prende fuoco un condizionatore, paura per l'incendio nel reparto di Malattie infettive

PESARO - Prima l’odore acre, poi il fumo, quindi le fiamme. Momenti di panico sono stati vissuti ieri pomeriggio all’ospedale di Muraglia, nel reparto di Malattie infettive, per l’incendio, percepito con questa progressione, che si è sviluppato in un ambulatorio.

Scuola: quarantena, trasporti, vaccinazioni, palestre e regole in aula. A che punto siamo per il ritorno in classe nelle Marche?

 

L’allarme è partito intorno alle 17,30 quando nel reparto si è avvertito l’odore e si è visto il fumo fuoriuscire da quell’ambiente, dove si svolgono attività solitamente al mattino. Affacciandosi sull’uscio della stanza, si sono viste le fiamme che si sprigionavano da un condizionatore d’aria. Ma l’emergenza è stata gestita con tempestività e in sicurezza, grazie a un primo intervento di spegnimento con gli estintori e la successiva azione dei vigili del fuoco, senza che nessuno rimanesse intossicato né tantomeno si presentasse l’esigenza di un’evacuazione.

Danni contenuti

«È tutto sotto controllo, tutto ha funzionato nel migliore dei modi - ha dichiarato alle 19 di ieri il direttore del reparto, Francesco Barchiesi -. L’incendio si è sviluppato in un ambulatorio molto lontano dall’ingresso principale e lontano da qualsiasi contatto con pazienti, medici, infermieri e operatori socio sanitari. Nella stanza, che nel pomeriggio non viene utilizzata, in quel momento non c’era nessuno. I vigili del fuoco sono arrivati subito e hanno risolto il problema in un quarto d’ora, ancora non sono in grado di valutare con precisione i danni perché c’è il fumo nella stanza, comunque non sono rilevanti».
Secondo la prima valutazione dei vigili del fuoco l’incendio è stato provocato da una causa elettrica, quindi un surriscaldamento o un cortocircuito. Gli stessi pompieri riferiscono che il fumo si era addensato in particolare in una tromba delle scale, che è stata aerata.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA